F1, Antonio Fuoco: “Ringrazio la Scuderia Ferrari”

Antonio Fuoco
Antonio Fuoco sulla Ferrari SF16-H

Antonio Fuoco chiude la due giorni di test al Montmelò della Scuderia Ferrari: nel day 1 Sebastian Vettel ha testato alcune novità sulla monoposto, nel day 2 il giovane pilota della Driver Academy ha onorato al meglio la giornata di prova chiudendo con il suo best lap di 1:24.720 su mescola soft, a +1.453 dal miglior giro di Max Verstappen.

Sul circuito catalano i team di Formula 1, eccezion fatta per la Sauber, hanno cercato di perfezionare le rispettive monoposto in vista del proseguimento di Mondiale. Sulla Rossa è montato il giovane driver cosentino Antonio Fuoco che nel giugno del 2015 è stato scelto dalla Ferrari per correre il primo giorno di test seguente al Gran Premio d’Austria, a bordo della SF15-T. In Spagna ha provato per la prima volta la SF16-H, focalizzando l’attenzione su mappature aerodinamiche, prove di assetto e simulazione di qualifica.

“Oggi abbiamo fatto un buon lavoro, tanti giri, molti chilometri, è stata una giornata molto positiva – ha dichiarato Antonio Fuoco sul sito Ferrari.com -. La cosa più complicata di una F1 rispetto alla GP3 che guido in campionato è gestire le varie procedure, poi c’è il maggior carico che la rende più impegnativa, serve un po’ di allenamento. Oggi abbiamo lavorato sull’assetto, riprendendo un po’ il programma svolto da Sebastian per fare un comparativo. Abbiamo provato alcune novità, ma nulla di rilevante”.

Per il giovane pilota calabrese della Ferrari Driver Academy è stata la seconda esperienza al volante di una monoposto Formula 1: “Rispetto al test dell’anno scorso con la monoposto 2015 è difficile fare un paragone: quando girai in Austria le condizioni erano completamente differenti. Però la macchina di quest’anno mi sembra migliorata, funziona molto bene, abbiamo girato tanto e in generale fatto un buon lavoro con la squadra – ha concluso Antonio Fuoco -. Per questo ringrazio davvero la Scuderia e la Ferrari Driver Academy”.