MotoGP, Guido Meda: “Maverick Viñales guardi Valentino e impari”

Guido Meda
Guido Meda (©Getty Images)

Maverick Viñales dovrebbe apprestarsi alla sua nuova avventura nel team Yamaha, al fianco del mitico Valentino Rossi, con l’atteggiamento della “spugna”, cioè osservando e imparando – ovviamente a partire dal Dottore. A sostenerlo è Guido Meda, notissima voce dei motori di Sky Sport e decano dei commentatori della MotoGP.

Ed è proprio dagli studi di Sky Sport che Meda è tornato a parlare di “casco-mercato”. A proposito della scelta di Viñales, l’esperto ha innanzitutto osservato che il giovane pilota “poteva diventare un mito per la Suzuki ma ha sposato l’idea di andare in Yamaha accanto a Valentino Rossi”. Una scelta che, ancorché non necessariamente condivisibile, è a suo dire “assolutamente comprensibile”.

Ma sarebbe sbagliato illudersi che il matrimonio tra i due sarà tutto rose e fiori. “Bisognerà vedere come convivranno – avverte Guido Meda – . Di solito Valentino è sempre molto ‘accogliente’ con i ragazzini, però poi nel momento in cui Maverick dovesse mettergli le ruote davanti non so come sarà…”. Risate allusive a seguire. Soprattuto, “se Viñales è furbo dovrà essere una spugna, come Bulega per esempio…: dovrebbe mettersi a guardare Rossi e imparare”.

Inevitabile un accenno alla “notiziona” delle ultime ore, cioè la conferma di Andrea Dovizioso nel team Ducati a discapito di Andrea Iannone, in predicato di passare alla Suzuki. “La Ducati perde Iannone, un pilota molto generoso – ha scandito Meda – : sulla Suzuki si troverà molto bene e diventerà il leader del team”. Con buona pace delle sue antiche ambizioni di ducatista iridato.

Infine qualche considerazione su Dani Pedrosa, che proprio ieri ha ufficializzato il rinnovo con la Honda: “Negli ultimi anni ha sorriso poco ma è un grandissimo talento e soltanto per caso non ha vinto il Mondiale nella classe regina, la Honda nel tenerlo ha fatto bene i suoi conti, anche perché a Marquez non dà fastidio”, conclude Meda. Tutto si tiene.