Paolo Ciabatti, esclusiva: “Ducati vuole un Andrea al fianco di Lorenzo”

Paolo Ciabatti
Paolo Ciabatti (©Getty Images)

Il mercato piloti è in fermento e tra i tifosi della Ducati c’è grande attesa per sapere chi affiancherà Jorge Lorenzo in sella alla Desmosedici nel 2017.

Entro il 5 giugno, data del GP di Catalunya, i vertici di Borgo Panigale scopriranno le carte in tavola e annunceranno chi tra Andrea Dovizioso e Andrea Iannone resterà ai box della Rossa. Intanto Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse, in un’intervista esclusiva a Tuttomotoriweb, smentisce categoricamente la notizia di un passaggio di Chaz Davies sulla Ducati ufficiale nella prossima stagione, parla dell’arrivo di Lorenzo e fa un primo bilancio di questo inizio di Motomondiale a dir poco sfortunato…

 

Dottor Paolo Ciabatti, facciamo chiarezza sulla notizia trapelata nei giorni scorsi circa un eventuale passaggio di Chaz Davies in classe regina. C’è la possibilità di vedere il pilota britannico in MotoGP?

Non abbiamo mai considerato questa possibilità per il 2017, il nostro obiettivo è tenere uno dei due Andrea nel team ufficiale Ducati al fianco di Lorenzo, così da tenere uno dei due piloti che ci hanno aiutato nello sviluppo della moto. Questo è il nostro obiettivo e quello che cercheremo di fare. Per quanto riguarda Davies è un pilota chiave per il nostro programma Superbike e l’obiettivo è cercare di vincere altre gare e il titolo mondiale con lui, cosa che possiamo fare ancora quest’anno e cercheremo di proseguire anche nel 2017 se non dovessimo riuscirci quest’anno. Non abbiamo mai parlato di Chaz Davies in MotoGP per il prossimo anno, nel 2018 se ci saranno le condizioni e vorrà provare a cimentarsi in classe regina valuteremo insieme a lui quali sono le opportunità, abbiamo tre team satellite, ma bisogna valutare bene se avrà la possibilità di essere competitivo con una moto competitiva. Valuteremo insieme verso la metà o la fine del 2017.

Avete scelto una data entro cui ufficializzare il secondo pilota?
Prenderemo una decisione entro la gara di Barcellona, questo è il termine entro cui prenderemo una decisione ma potremo anche prenderla prima.

Con Jorge Lorenzo le aspettative per il 2017 saranno alte…
Quando un’azienda decide di mettere sotto contratto un pilota che ha vinto cinque titoli mondiali, di cui tre in MotoGP, è perché mira a vincere il titolo della MotoGP. Questo l’abbiamo dichiarato nel passato, quando il progetto sarebbe stato abbastanza competitivo per tentare di puntare al titolo mondiale avremmo cercato di scegliere un pilota che ha le caratteristiche per farlo. E’ chiaro che Lorenzo ha la capacità di giocarsi il titolo mondiale sempre e questa caratteristica ce l’ha anche Marc Marquez e Valentino Rossi. Quindi aver fatto questa scelta significa che Ducati ha come obiettivo quello di essere uno dei possibili contendenti per la vittoria nel campionato mondiale della MotoGP sia nel 2017 che nel 2018.

Peccato che la sfortuna quest’anno pare non voglia abbandonare i box Ducati…
Purtroppo non siamo riusciti a raccogliere in gara quello che abbiamo dimostrato sempre in prova e in gara fino a quando i nostri piloti non hanno avuto degli inconvenienti. A parte la gara di Jerez, dove i nuovi pneumatici Michelin e le caratteristiche della pista con poco grip ci hanno messo particolarmente in difficoltà, e purtroppo Dovizioso ha avuto un inconveniente tecnico alla sua moto che lo ha costretto al ritiro, direi che in tutte le altre gare i nostri piloti sono stati protagonisti, ma se guardiamo la classifica e i punti purtroppo abbiamo raccolto molto meno di quello che ci aspettavamo.

 

Luigi Ciamburro