Kevin Schwantz “avverte” Maverick Viñales: “Valentino può sminuirti”

Kevin Schwantz (© Getty Images)
Kevin Schwantz (© Getty Images)

Attento Maverick Viñales, perché passando alla Yamaha potresti essere “sminuito” da Valentino Rossi. A lanciare il monito al giovane talento della Suzuki, in predicato di “sbarcare” nel team MotoGP della Casa di Iwata dopo l’addio di Jorge Lorenzo a favore della Ducati, è Kevin Schwantz, ex centauro statunitense e oggi attentissimo osservatore del Motomondiale (nel quale ha gareggiato fino al 1995).

Secondo l’ex campione del mondo della classe 500, la promessa spagnola farebbe meglio a restare in Suzuki: “Se fossi nella posizione di Maverick e dovessi prendere una decisione intelligente per la mia carriera, rimarrei alla Suzuki. Penserei, ‘se riuscissi a qualificarmi e a partire un pochino meglio, potrei vincere’. E che in questo modo avrei lottato al vertice in ogni gara finora”, ha dichiarato Schwantz a Motorsport, confermando sostanzialmente la posizione di cui vi avevamo già dato conto qualche settimana fa qui su Tuttomotoriweb.

 

Il consiglio di Schwantz

A parere di Kevin Schwantz, un compagno di scuderia ingombrante come il Dottore non gioverebbe allo sviluppo della carriera di Maverick: “Il problema di andare in Yamaha è avere Rossi come compagno di squadra – sostiene il veterano delle due ruote – . Se lui va meglio in qualifica e ti batte, il tuo valore viene sminuito. Rimanendo in Suzuki, non avrebbe questa pressione. Potrebbe lavorare su se stesso, cercando di diventare un pilota più completo”. Nella sua valutazione, dunque, Viñales dovrebbe soppesare pro e contro dell’ingaggio quale futuro compagno di squadra del campione di Tavullia: da un lato un pilota di esperienza dal quale apprendere tanto, dall’altro un nove volte iridato che nel confronto diretto rischierebbe di rimpicciolirlo.

A parlare, vale la pena di ricordarlo, è un campione che durante la sua carriera non ha mai tradito la casa di Hamamatsu, difendendone i colori dal suo esordio nella massima categoria del Motomondiale, nel 1986, fino all’infortunio al polso destro del 1995 che lo costrinse al ritiro. Resta da vedere se il giovane Maverick seguirà il suo consiglio…