MotoGP, Valentino Rossi: “Al Mugello sarò più competitivo”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Jorge Lorenzo ha tutte le ragioni per essere felice. Dopo la sua vittoria a Le Mans, lo spagnolo ha riconquistato il comando nella classifica del Campionato mondiale della MotoGP, e i prossimi round si disputeranno in due circuiti, quello del Mugello e quello di Montmeló, nei quali il maiorchino è solito brillare. Nel primo, infatti, ha vinto quattro delle sue ultime cinque gare.

Ma c’è sempre un “ma”. E in questo caso è incarnato da Valentino Rossi. In Francia, più d’uno è rimasto sorpreso nel vederlo così esultante sul podio, nonostante il suo team mate gli avesse appena “soffiato” la vittoria, rimediando un vantaggio di 11 secondi a fine gara.

 

La nuova scommessa di Valentino

Valentino Rossi si sente potente. Sa di poter contare sul sostegno della Yamaha, che non a caso lo ha scelto come “numero uno” per il futuro, mentre Lorenzo passerà alla Ducati. E crede che i 20 punti segnati a Le Mans, dopo una settimana difficile per lui, siano molto utili in ottica di Campionato. “Ora siamo in tre a giocarci il titolo, separati da soli 12 punti , ” avverte il Numero 46, mostrandosi convinto di poter dare il meglio di sé al Mugello, dove i suoi tifosi gli stanno preparando come sempre un’accoglienza trionfale. Non hanno dimenticato il finale del Mondiale 2015 – né ovviamente lo ha dimenticato Rossi.

“Non vedo l’ora di arrivare al Mugello – dichiara Valentino all’indomani della gara francese, come riportano i colleghi di Sport.es – . Quest’anno è diverso perché con le Michelin bisogna essere più attenti in gara. Con le Bridgestone non si cadeva quasi mai, mentre in questa stagione in cinque gare siamo caduti tre, [Marc] Marquez, Lorenzo e io”.

Il suo ottimismo poggia su due considerazioni. “Credo che con la Michelin quest’anno posso essere più competitivo al Mugello” dice il Dottore. E riguardo al secondo posto a Le Mans, ribadisce che “quando uno parte dalla terza fila, fa una brutta partenza e ottiene il secondo posto, vuol dire che è in forma”. Come dargli torto?