MotoGP, Valentino Rossi: “Sono rimasto incasinato nel traffico”

Valentino Rossi (© Getty Images)
Valentino Rossi (© Getty Images)

La peggior Yamaha di questo sabato di prove sul circuito di Le Mans è stata quella di Valentino Rossi: contrariamente alla supremazia esibita a Jerez de la Frontera, infatti, in terra francese il Dottore non ha trovato ancora la quadratura per lottare al vertice, con una flessione rispetto al positivo trend delle ultime Qualifiche. E si è dovuto accontentare della settima posizione, staccato di 854 millesimi. Si preannuncia dunque una domenica di passione, con il Campione di Tavullia alla rincorsa dalla terza fila.

Valentino non nasconde la propria amarezza per la performance odierna sulla pista francese: “Oggi fortunatamente siamo riusciti ad essere più veloci e più competitivi ma non siamo stati lucidi abbastanza per partire più avanti”, ha commentato il Dottore ai microfoni di Sky Sport dopo le Qualifiche.

 

Il “mea culpa” di Valentino

“Avevamo una strategia per la qualifica – ha aggiunto – ma purtroppo abbiamo sbagliato e ci è andata male. Sono rimasto incasinato nel traffico e, nel giro buono, ho preso [Maverick] Viñales perdendo un bel po’ di tempo. Avevo un’altra opportunità per migliorare, ma nel t3 ho sbagliato perché in frenata ho perso il controllo e non son riuscito ad abbassare il mio tempo”. Morale della favola, “il nostro potenziale era di stare tra i primi cinque ma ho sbagliato e devo accontentarmi del settimo posto”.

Anche stavolta, però, Valentino Rossi cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno. “Come passo non sono messo male – assicura – ma partire dalla terza fila sarà difficile, dobbiamo essere più veloci se vogliamo fare una bella gara. Pol Espargarò va veloce, me la gioco con lui e con [Andrea] Iannone e [Andrea] Dovizioso, perché secondo me [Jorge] Lorenzo e [Marc] Marquez hanno un pelo in più”. “Se riusciamo a migliorare si può fare bene – conclude il Pesarese -, sennò sarà dura”.