MotoGP, Jorge Lorenzo: “Pedrosa o Vinales? Sono curioso”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Nella conferenza stampa che anticipa il GP di Le Mans a tenere banco è non solo la gara con i relativi aspetti tecnici, ma anche il mercato piloti: una prestigiosa sella Yamaha è ancora libera e sono due i piloti che potrebbero condividere i box con Valentino Rossi: il giovane e promettente Maverick Vinales e il veterano Dani Pedrosa.

Due spagnoli per contendersi un posto “al sole”, ma restano ancora molti dubbi su chi sarà il successore di Jorge Lorenzo in sella alla YZR-M1, dopo che il pilota maiorchino ha ufficializzato il passaggio in Ducati per il 2017. Un posto tra i più desiderati della MotoGP, ma è anche vero che quella sella può diventare scomoda e bollenta per chiunque. Il campione in carica ha ammesso di non avere idea “di cosa sceglierà di fare la Yamaha, è chiaro che la mia moto creerà altri movimenti, ma non ho idea”.

Tutti con il fiato sospeso per capire chi sarà il fortunato rider a poter cavalcare una delle moto più competitive della classe regina: “Stanno confermando piloti come Folger, ma dall’esterno, come spettatore, è interessante e io sono curioso di sapere chi metteranno al mio posto”, ha spiegato Lorenzo. Per quanto riguarda Dani Pedrosa e Maverick Viñales “entrambi i piloti sono molto diversi, ma entrambi hanno il potenziale per essere alla Yamaha, Dani lo aveva fin dal suo arrivo in MotoGP e Maverick, in futuro, ha il potenziale per vincere. La loro decisione difficile – ha aggiunto Jorge Lorenzo -, ma non è un mio problema”.

Le indecisioni di Vinales

Il nome più accreditato resta quello del pilota Suzuki, una giovane promessa con cui guardare anche al futuro, con la quasi consapevolezza che il primo anno potrebbe essere difficile per lui. Condividere il box con Valentino Rossi significa imparare molti trucchi del mestiere, ma anche vivere all’ombra del campione, quasi fosse un secondo pilota.

“Posso scegliere tra due scuderie da alta classifica; c’è Suzuki che mi ha dato fiducia e ha creduto in me, mi ha fatto crescere dal passaggio in Moto2 e può rappresentare un riferimento – ha spiegato Maverick Vinales come riporta Motogp.com -. Poi ci sarebbe un’altra scuderia, vincente e già estremamente competitiva. È difficile decidere”.

L’obiettivo mai nascosto è di diventare campione del mondo: “Sono venuto nella classe regina per vincere e con Suzuki ho fatto dei passi incredibili, possiamo lottare per il podio. Parlo molto con Davide Brivio, mi supporta molto e questo è un periodo di riflessione per me. Da fuori la mia situazione potrebbe sembrare facile e potrei già essere vicino a Yamaha – ha sottolineato il giovane pilota spagnolo – ma tutto va visto dall’interno e le prospettive cambiano ogni giorno, ad ora non ho ancora deciso. Manca ancora qualche cosa per fare la decisione definitiva che è la più importante della mia vita; di certo non devo distrarmi e rallentare il mio lavoro durante questo fine settimana a Le Mans”.