Kimi Raikkonen e la pista da motocross che crea polemiche

Kimi Raikkonen
Kimi Raikkonen (©Getty Images)

Sta creando polemiche in Finlandia la pista di motocross costruita da Kimi Raikkonen presso la sua tenuta di Porkkala, a circa 30 chilometri ad ovest della capitale Helsinki. Secondo quanto rivelato dalla televisione nazionale YLE, in quella zona il Governo stava da tempo meditando di creare un parco naturale e pertanto non era stato dato al pilota il permesso di mettere in piedi la sua opera.

L’area in questione è di 22 ettari circa ed è situata in una zona costiera di grande bellezza sotto il profilo naturale, dato che si tratta di un ambiente ricco di boschi e prati. Lì il Governo, come dicevamo, ha altri progetti che sono completamente diversi da quelli di Kimi Raikkonen. Lo riporta il Mundo Deportivo.

I vicini di casa del driver della Ferrari hanno già esposto le loro lamentele per il gran rumore provocato dalle moto e sembrano intenzionati a sporgere denuncia per far approfondire la questione e arrivare a capire se la pista soddisfa i requisiti di legge richiesti.

Le autorità locali non sono convinte che serva una particolare licenza per costruire su un terreno che comunque è di proprietà privata. Il Comune ritiene che non ce ne sia bisogno perché non si tratta di un edificio e neppure di un circuito sportivo con finalità commerciali. Invece le autorità regionali ritengono che servirebbe almeno un permesso ambientale per costruire una pista da motocross visto che essa può avere un impatto ecologico in una zona ricca di biodiversità.

Il Comune ha quindi chiesto a Kimi Raikkonen di riferire in merito al tipo e alla frequenza di utilizzo della pista, così che poi possa essere deciso se è necessario un permesso ambientale. Il pilota della Ferrari non ha espresso commenti su questa situazione, però ha mostrato di voler essere disponibile nei confronti delle autorità per poter risolvere la vicenda in maniera pacifica.