Gigi Dall’Igna: “Per Lorenzo nessun sforamento dei costi”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Dal 18 aprile Jorge Lorenzo e Ducati hanno annunciato ufficialmente che dal 2017 tenteranno insieme di conquistare il titolo iridato che da Borgo Panigale manca da quasi un decennio. Il maiorchino ha deciso di lasciare la Yamaha dopo nove stagioni insieme per tentare una nuova e avvincente avventura in sella alla Desmosedici, lì dove pochi sono riusciti a trionfare.

Ducati spera di poter avere a disposizione il campione della MotoGP già dal lunedì successivo all’ultimo Gran Premio di Valencia, per il consueto test di fine anno, in modo da raccogliere dati preziosi e consentire a Jorge Lorenzo di familiarizzare con la nuova moto, ma si tratta di dettagli che verranno stabiliti in seguito. Gigi Dall’Igna è pronto ad affrontare la nuova mole di lavoro per adattare la Desmosedici al nuovo pilota: “Dovremo cambiare molto, Jorge deve imparare a capire la moto e abbiamo bisogno di capire che cosa lo fa sentire meglio”, ha spiegato in un’intervista a Speedweek.com.

Di certo non sono stati superati i limiti di spesa per accaparrarsi il fuoriclasse, nè verrà fatto in futuro: “Ognuno ha i suoi bilanci e bisogna essere conformi con loro. Ho letto molto delle voci su Jorge sui giornali e alcune informazioni sono sbagliate”, ma preferisce non parlare di cifre perchè è “qualcosa che noi non commentiamo così come non fanno i nostri concorrenti”.

Al momento è difficile dire chi tra i due Andrea resterà in Ducati per affiancare il pilota campione del mondo: “I nostri due piloti hanno stili di guida molto diversi, abbiamo bisogno di adattare la moto ad entrambi… Entrambi sono stati importanti per sviluppare la moto”, ha proseguito Gigi Dall’Igna. Ma per conoscere chi dei due resterà ai box della Rossa servirà ancora qualche settimana, salvo ulteriori gravi errori come quello commesso da Iannone in Argentina. La priorità è il bene della scuderia, pur essendo uno sport individuale. Paolo Ciabatti è intransigente: “I driver devono ricordare che in un certo senso la Ducati viene prima… i nostri piloti avranno sempre in mente ciò che abbiamo detto loro”.