Semaforo rosso: multa con foto valida solo con polizia presente

foto dal web
foto dal web

Le multe sono sempre molto temute dagli automobilisti e tra queste rientrano quelle prese per essere passati con il semaforo rosso. Da un po’ di tempo i Comuni si sono dotati di telecamere e sistemi elettronici che scattano fotografie, così da poter individuare e sanzionare chi commette quel tipo di infrazione.

Però una sentenza emessa dal Giudice di Pace ha stabilito che la multa è da considerarsi nulla se nelle vicinanze non è presente una pattuglia di agenti della Polizia Municipale pronta a fermare il cittadino per contestargli il comportamento contrario al rispetto del Codice della Strada. Lo rivela laleggepertutti.it.

Differentemente da autovelox e tutor, il cui utilizzo al fine di comminare eventuali multe non dipende dalla presenza di autorità sul posto, il T-Red (la telecamera in grado di immortalare il numero della targa di chi supera l’incrocio nonostante il semaforo rosso)  è disciplinato da altre norme di legge. Un’altra differenza importante, per esempio, è che la presenza del photored non va segnalata con anticipo agli automobilisti esponendo un apposito cartello di avviso, cosa che invece avviene obbligatoriamente con altri strumenti elettronici. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione lo scorso 27 aprile. Quindi c’è la possibilità che vengano fatte scattare delle fotografie a sorpresa e che non si possa poi ricorrere, perché c’è una sentenza chiara in materia.

Come dicevamo all’inizio, è comunque fondamentale che affinché la multa sia ritenuta valida vi sia la presenza dei vigili urbano sul luogo dell’infrazione con uno strumento a infra-rossi, così da poter subito agire nei confronti dell’automobilista consegnandogli il verbale. Il cittadino, altrimenti, può fare ricorso e lo vincerebbe.

C’è infine un’altra mossa che può fare una persona che viene multata per l’attraversamento dell’incrocio con il semaforo rosso, ovvero quella di chiedere all’amministrazione di esibire il decreto di omologazione del photored e il certificato di taratura. Se qualcosa non fosse in regola, la sanzione potrebbe essere annullata.