F1 Sochi, Sebastian Vettel: “Sorpassare non è facile”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (©Getty Images)

Le Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen proseguono la rincorsa alle Mercedes e in Russia, per il GP di Sochi, si preannuncia un’altra battaglia a quattro gare, guardandosi le spalle dalle Red Bull in sensibile crescita. Il pilota tedesco della Rossa e Mattia Binotto, Responsabile per la Power Unit della Scuderia Ferrari, illustrano il tracciato russo dove nel week-end  si terrà la quarta giornata del Mondiale 2016 di F1.

Il circuito di Sochi sorge nella sede delle Olimpiadi invernali 2014, ma dopo due appuntamenti autunnali adesso si corre in primavera: “Il circuito si trova nel Parco Olimpico, dove si sono tenuti i giochi invernali, ed è qualcosa di unico. E’ una pista entusiasmante, con molte curve a 90 gradi – ha spiegato Sebastian Vettel su Ferrari.com -. Il tracciato è scorrevole, non ci sono molte forti frenate. Non è facilissimo effettuare sorpassi, ma nel complesso offre una buona aderenza ed è divertente guidarci. Sono molti i russi ad essere entusiasti del fatto che la Formula 1 sia arrivata nel loro Paese. E’ decisamente un bel Gran Premio”.

Il GP di Sochi visto da Mattia Binotto

Le strategie di gara saranno incentrate soprattutto sul consumo di carburante, mentre le gomme qui non registrano una veloce usura, a meno che le temperature primaverili non incidano sul tipo di mescole. Ma nel GP di Russia saranno messi a dura prova telaio e motore e in casa Ferrari potrebbe esordire un nuovo propulsore appositamente per questa tappa: “E’ un circuito sicuramente molto particolare, difficile, molto esigente da un punto di vista della Power Unit, e anche da un punto di vista vettura”, ha spiegato Mattia Binotto .

“Ci sono rettilinei lunghissimi, un curvone, alcune forti frenate, tornantini, e quindi diventa essenziale anche il modo in cui gestiamo il motore stesso, la parte ibrida, la quantità di energia spesa e recuperata – ha aggiunto il tecnico della Scuderia di Maranello -. Questa permette di scegliere se ottimizzare le prestazioni del tempo sul giro piuttosto che il sorpasso, attuando strategie diverse. Sochi è un tracciato che consente traiettorie molto diverse e che offre opportunità di sorpasso, anche se per farlo bisogna raggiungere una velocità elevata sul rettilineo”.