Shell, concept car riciclabile da 38 km/l

Shell Concept Car
photo dal web

Shell ha presentato un prototipo di city car a tre posti alimentata a benzina, ad alta efficienza e disegnata da Gordon Murray, ingegnere del team McLaren di F1 che anni fa ha progettato la T.25, una vettura studiata per ridurre al minimo i consumi di carburante.

La concept car di Shell è stata realizzata all’insegna del risparmio energetico, non solo per quanto concerne i consumi di benzina, ma anche in termini di energia utilizzata per fabbricarla, visto che è stata impiegata circa la metà dell’energia usata per produrre una macchina di queste dimensioni. Costruita in fibra di carbonio riciclata ha un peso piuma di 550 kg e quasi tutti i componenti possono essere riutilizzati alla fine del ciclo di vita della vettura.

Spinta da un propulsore a benzina tre cilindri da 660 cc, in grado di erogare una potenza di 51 CV, registra consumi ridotti, in media 37,8 km con un litro procedendo ad una velocità costante di 70 km/h, grazie anche all’aerodinamica studiata nei minimi particolari (indice di penetrazione 0,29). Le emissioni di CO2 da parte della Shell Concept sono contenuti in appena 4,67 g/km.

Rivoluzionario l’accesso all’abitacolo, dove si accede ribaltando la parte superiore della cabina, con il conducente posizionato al centro: uno dei punti di forza della vettura Shell è l’agilità, con un raggio di sterzata di appena sei metri e dimensioni di 2,5 metri in lunghezza e 1,35 in larghezza. Al momento si tratta di un prototipo e non sappiamo se il colosso petrolifero deciderà di produrla in serie oppure utilizzarla come ispirazione per futuri veicoli a basso impatto ambientale.