MotoGP Jerez, Iannone: “Manca trazione”. Dovizioso: “Serve lavorare”

Andrea Dovizioso Andrea Iannone
Andrea Dovizioso e Andrea Iannone (©Getty Images)

C’è molta delusione in casa Ducati dopo la prima giornata di prove libere del Gran Premio di Spagna, visto che sia Andrea Dovizioso che Andrea Iannone hanno faticato molto in entrambe le sessioni.

Le rosse di Borgo Panigale sono lontane dalle prime posizioni e persino Hector Barbera del team clienti Avintia è riuscito ad essere più veloce dei piloti ufficiali. C’è tanto lavoro da fare all’interno della squadra per consentire ai propri alfieri di essere competitivi in ottica qualifica e poi in gara.

Tutti sembrano avere dei problemi riguardanti l’aderenza, già riscontrati l’anno scorso e che non sono scomparsi con il passaggio dalle gomme Bridgestone a quelle Michelin. Vedremo se la Ducati saprà trovare una soluzione adatta.

Andrea Iannone e Andrea Dovizioso delusi

Andrea Dovizioso al termine della giornata ha messo in evidenza quelli che sono i problemi riscontrati in pista: “C’è molto da fare, le gomme sono strane e quella di dietro scivola tanto. È una situazione difficile, ma per tutti – riporta Gazzetta.it -. C’è da lavorare sopratutto in funzione gara, perché 27 giri sono tanti e c’è molto slittamento. Dobbiamo trovare più grip dietro, anche tagliando la potenza, perché dopo due giri andiamo in difficoltà: con la gomma usata siamo più vicini ai migliori, ma non siamo i più veloci”.

Il forlivese è andato meglio del compagno sia in FP1 che in FP2, però ciò ovviamente non gli basta. A sua volta Andrea Iannone vuole fare dei progressi per poter essere più combattivo in gara: “La mia situazione è piuttosto complicata, stiamo soffrendo abbastanza con la messa a punto. Dovremo lavorare per trovare una migliore trazione al posteriore perché la mancanza di grip mi penalizza molto”.