Yamaha, Lorenzo: “Ducati, che sfida”. Jarvis: “Contattato Vinales”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Jorge Lorenzo arriva all’appuntamento del Gran Premio di Spagna carico e volenteroso nel voler recuperare al più presto i 21 punti che lo separano nella classifica mondiale MotoGP 2016 da Marc Marquez. Ad Austin ha ottenuto un secondo posto che ha riscattato la caduta avvenuta in Argentina, ma a Jerez de la Frontera il suo obiettivo è quello di salire sul gradino più alto del podio.

Ovviamente è inevitabile che si parli anche del suo trasferimento un Ducati, ufficializzato da pochi giorni. Un annuncio che era nell’aria ormai da settimane. Il maiorchino ha deciso di lasciare la Yamaha e firmare con la scuderia di Borgo Panigale per il 2017 e il 2018, cercando di vincere il titolo anche in sella alla moto rossa su cui invece il compagno Valentino Rossi non riuscì a trionfare neppure in una gara.

Jorge Lorenzo in conferenza stampa da Jerez

Il pilota spagnolo non poteva che cominciare la conferenza stampa di oggi parlando del suo trasferimento in Ducati: “Sì di sicuro è stata una delle decisioni più importanti e difficili della mia vita e la mia carriera. Sentivo di aver bisogno di quella sfida. Ma quel momento è ancora molto lontano. Mancano 15 gare sono concentrato sul presente e su questo campionato. Ho voglia di combattere per vincere il mio quarto titolo mondiale MotoGP. In questo momento penso solo in blu e a cercare di ottenere i migliori risultati che posso con questa squadra”. Non mana una frecciata alla Yamaha: “Forse in futuro avrò più possibilità di sviluppare la moto come maggiormente mi piace”.

Per quanto riguarda la stagione in corso, Jorge Lorenzo invece si è così espresso: “Avevamo iniziato nel migliore dei modi nella gara del Qatar, ma le cose si sono complicate con l’incidente in Argentina. E ‘stato davvero un peccato perdere così tanti punti in quella gara. Ma per fortuna a Austin, che normalmente è un Gran Premio difficile per me, abbiamo risolto la situazione nel migliore dei modi. Ora siamo secondi in campionato e abbiamo molte possibilità di lottare per esso. Stiamo 21 punti dietro, l’anno scorso lo siamo stati di 29 e adesso mi sento che abbiamo un potenziale superiore a quello dello scorso anno a vincere le gare”.

Le parole di Lin Jarvis per la Yamaha

Anche Lin Jarvis, managing director della Yamha, ha partecipato alla conferenza stampa per commentare la decisione del maiorchino di andarsene in Ducati: “Naturalmente avremmo preferito che Jorge rimanesse, ma speriamo di poter chiudere il nono anno insieme vincendo. Quando si arriva alla fine di un’epoca è normale avere un po’ di tristezza. Adesso stiamo cercando un sostituto Maverick Vinales ha dimostrato di essere uno dei nuovi talenti futuri della MotoGP. Credo che abbia una buona possibilità di essere campione del mondo nel futuro Siamo in contatto col suo management, ma non è l’unico nome che stiamo prendendo in considerazione. Marquez? Improbabile condivida il box con Valentino Rossi”.