Lin Jarvis: “Lorenzo alla Ducati per tre motivi”

Lin Jarvis
Lin Jarvis (©Getty Images)

Lin Jarvis, Managing Director di Yamaha Factory Racing, ha partecipato alla conferenza stampa del giovedì solitamente riservata ai piloti. La sua presenza è dovuta all’annuncio del passaggio di Jorge Lorenzo alla Ducati a partire dalla prossima stagione.

Perdere un campione del calibro di Lorenzo è un duro colpo per il team di Iwata, ma trattenerlo per un altro biennio era un’impresa impossibile, soprattutto per il fatto di dover condividere il box con Valentino Rossi. Dopo le mille polemiche seguite al GP della Malesia 2015 l’aria ai box era divenuta troppo pesante, ma non è certo questa l’unica motivazione che ha spinto il maiorchino verso Borgo Panigale.

Lin Jarvis non ha celato la sua delusione per la scelta del maiorchino: “E’ come quando in discoteca si chiede a una ragazza di ballare e opta per il ragazzo accanto a te”, ha scherzato il boss della Movistar Yamaha. “Questo sarà il nostro nono anno insieme. Abbiamo avuto una buona avventura. Quando si raggiunge la fine di un’epoca è sempre un momento triste”.

Secondo il manager Yamaha non era impossibile la convivenza tra Lorenzo e Rossi, ma ad influire sulla decisione dello spagnolo hanno contribuito tre fattori: “A mio parere, niente era impossibile. Jorge ha cercato nuovi incentivi. Ci sono stati probabilmente tre fattori, che lo hanno spinto a prendere questa decisione. Penso che ci sia un’offerta molto buona, che era probabilmente migliore della nostra. Questo è stato sicuramente un fattore importante. Inoltre, la Ducati è attualmente molto competitiva e riduce il rischio di un cambiamento. Il terzo motivo è stato probabilmente quello di essere il numero 1 in squadra. Alla Yamaha abbiamo avuto Jorge e Valentino per molti anni in squadra. Abbiamo l’esperienza. Abbiamo sempre avuto un trattamento equo e lo faremo per il resto dell’anno”.

Nessuna fretta di decidere il nome del sostituto, anche se l’obiettivo primario è Maverick Vinales: “Maverick ha certamente dimostrato che è una delle future stelle della MotoGP. Ha una buona possibilità di diventare Campione del Mondo MotoGP in futuro. Quindi è un pilota molto attraente. Ma ci sono altre opzioni. Ci sono piloti di talento con profili diversi… Abbiamo bisogno di guardare bene a tutti i candidati – ha concluso Lin Jarvis -. La nostra fortuna è che abbiamo una buona moto e una buona squadra. Abbiamo un pacchetto attraente”.