MotoGP, Valentino Rossi: “Jerez mi piace, obiettivo podio”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Giornata di preview quella odierna per Valentino Rossi e Jorge Lorenzo in vista del Gran Premio di Spagna che si correrà domenica sul circuito di Jerez de la Frontera. Il campionato MotoGP 2016 approderà in Europa dopo le prime tre gare disputate in Qatar, Argentina e Stati Uniti.

Si tratta di un appuntamento molto sentito soprattutto per i piloti spagnoli che sono di casa, ma anche per chi deve riscattare alcune delusioni recenti. Per esempio proprio Valentino Rossi, che ad Austin è caduto nonostante le premesse della sua gara fossero positive in quanto a passo. Problemi alla  frizione e la successiva anomala scivolata hanno compromesso un potenziale ottimo risultato. Avrebbe potuto salire sul podio e non ritrovarsi poi a 33 punti di distacco dal capo-classifica Marc Marquez.

Valentino Rossi ottimista per Jerez

Il nove volte campione del mondo ha così esordito facendo riferimento alla recente corsa disputata negli Stati Uniti: “Sono molto felice che ora andiamo in Europa – riporta Yamahamotogp.com -. La gara in Texas non è stato molto fortunato per me, ma anche dopo essa dobbiamo guardare il lato positivo. Stavamo facendo un ottimo week-end e siamo migliorati in qualifica, mi sentivo molto bene sulla moto e anche con le Michelin. Austin è sempre stata una pista molto difficile per me, ma quest’anno è stata buona”.

Un Valentino Rossi che dunque ha superato la delusione del gran premio corso in terra statunitense e che adesso guarda con fiducia e ottimismo all’appuntamento di questo week-end: “Ora andiamo a Jerez, una pista che mi piace molto. E’ molto diverso dai primi tre tracciati del campionato. Dovremo lavorare bene, come abbiamo fatto in queste prime gare. Serve trovare la migliore impostazione per le gomme, continuare a lavorare sulle Michelin, e soprattutto dobbiamo cercare di salire sul podio di Domenica”.

L’obiettivo del pilota di Tavullia è dunque quello di salire almeno sul podio, ma sappiamo che un cannibale come lui non si accontenterà e proverà a vincere se sarà nelle condizioni di poterlo fare. La concorrenza quest’anno è maggiore, visto che la Ducati sembra aver fatto progressi importanti e pure la Suzuki può inserirsi nella lotta.