MotoGP, Paolo Ciabatti: “Livio Suppo si è scusato con me”

Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse
Paolo Ciabatti (©getty images)

L'”incidente” tra il ducatista Andrea Dovizioso e il rider della Honda Dani Pedrosa è stato il principale argomento di dibattito dopo il Gran Premio della MotoGP di Austin. Tra accuse, ritrattazioni, conferme e smentite, il team manager della squadra di Borgo Panigale Paolo Ciabatti rompe il riserbo per elogiare la condotta dei colleghi della Honda dopo l’incidente.

E’ il caso di ricordare che sul circuito americano Dani Pedrosa è tornato in sella alla sua Honda solo dopo essersi assicurato che il forlivese era rimasto illeso. Appena finito a terra il suo primo pensiero è stato sincerarsi delle condizioni di Dovizioso che era inginocchiato per il dolore. Andrea ha prontamente alzato la mano per rassicurare il collega e tutti i suoi cari.

 

La “pace” tra Ducati e Honda

Per il ducatista la gara è finita lì, mentre lo spagnolo è risalito in moto ed ha ripreso a girare, salvo poi ritirarsi qualche giro dopo. Subito dopo la gara il pilota di Sabadell è andato senza esitazioni nel box Ducati. E ha chiesto scusa non solo a Dovizioso, ma anche a tutta la squadra Ducati. Le immagini hanno poi chiarito la totale innocenza di Pedrosa, il quale ha regalato a tutto il mondo gesti da grande uomo.

“Sappiamo che Dani è un pilota e un uomo molto corretto – ha dichiarato Paolo Ciabatti, come riporta Speedweek.com – . Quello che fatto in pista dopo l’incidente, e il fatto che è venuto nel nostro box dopo la gara, è stato da noi molto apprezzato. Pedrosa ha spiegato tutto e si è scusato con Dovi. Purtroppo, sono cose che succedono nelle corse”.

Anche il direttore sportivo della HRC Livio Suppo, che ha lavorato per molti anni per il team Ducati, si è fatto avanti con Paolo Ciabatti. “Anche Livio è venuto da me e si è scusato con me e Gigi [Dall’Igna]. Naturalmente era meglio se non succedeva, ma è bello vedere che i piloti si rispettano reciprocamente”, ha continuato Ciabatti. Una bella lezione di sportività.