Ferrari, Sebastian Vettel: “Niente panico, problemi risolti”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (©Getty Images)

Nel week-end torna il campionato di Formula1 2016 e per il terzo appuntamento si fa tappa in Cina, sul circuito di Shanghai, dove la Ferrari con Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen proverà ad ottenere la prima vittoria di quest’anno.

All’interno della scuderia di Maranello andranno comunque risolti quei problemi di affidabilità che sia a Melbourne che in Bahrain hanno consentito a solamente una delle due monoposto di giungere al traguardo. In particolare i guasti si sono verificati al motore e sono stati di natura differente. Sebastian Vettel è stato costretto a montare un nuovo propulsore in vista della corsa cinese, dato che quello utilizzato nelle prime due gare non è recuperabile. Un handicap non da poco, visto che sono cinque in totale le power unit consentite. Se si va oltre, scatta la penalizzazione sulla griglia di partenza.

Sebastian Vettel fiducioso per il futuro

Il quattro volte campione del mondo, ovviamente, non può dirsi soddisfatto della sua situazione visto che nell’ultimo gran premio non ha conquistato punti e dunque nella classifica iridata si ritrova già a dover inseguire le Mercedes. Però non si demoralizza e analizza così quanto avvenuto: “Già nei test abbiamo avuto qualche difficoltà – si legge su Speedweek -. Durante il fine settimana di gara le cose sono andate bene nelle prove. Dobbiamo letteralmente tirare avanti senza problemi, che in entrambe le gare abbiamo avuto e le cui cause le abbiamo riconosciute. Siamo sicuri che ora abbiamo risolto”.

In ottica titolo Sebastian Vettel non è preoccupato e crede che ci sia del margine ampio per entrare nella lotta con Nico Rosberg e Lewis Hamilton: “C’è un sacco di tempo, la stagione è lunga. Abbiamo subito una battuta d’arresto, ma non ci sono motivi di panico o preoccupazione”.

Il tedesco è stato tra i piloti più critici in merito al nuovo sistema di qualifica che era stato introdotto per il campionato di F1 2016 e che è stato presto bocciato. Infatti nel Gran Premio di Cina a Shanghai si ritornerà al format 2015, decisamente più gradito a team e driver. Queste le parole del ferrarista in merito: “L’intera vicenda ha prodotto molta confusione. Si è capito che c’è stato un errore ed è un bene essere tornati indietro, reintroducendo il vecchio sistema”.

Infine a Sebastian Vettel viene chiesto se gli annunci del presidente Sergio Marchionne non mettano un po’ di pressione alla Ferrari, visto che lui vorrebbe vincere già quest’anno: “Qualcosa è spesso esagerato dai media, ma il suo obiettivo è il ​​nostro obiettivo, quindi ciò non aumenta la pressione. Siamo stati secondi nel 2015, ora vogliamo fare un passo in avanti, e questo è solo la vittoria. Abbiamo fatto un sacco di progressi e possiamo essere certi che potremo realizzare questo passaggio. Ferrari ha tutti gli ingredienti per farcela. Questa nuova Ferrari ha molto più potenziale di sviluppo rispetto al modello 2015, quindi siamo fiduciosi”.