Morpho: da Dubai il “grande fratello” degli automobilisti

(foto dal web)
(foto dal web)

Non uno, ma più occhi elettronici che agiscono in tempo reale e potenziano le capacità di controllo su chi supera i limiti di velocità. Si chiama Morpho, arriva da Dubati ed è attualmente in fase di omologazione in Francia. Ma in Italia il rivoluzionario dispositivo è stato già ribattezzato “VedoTuttor”.

La logica è più o meno quella del Grande Fratello di orwelliana memoria, con la differenza che il controllo assoluto in questo caso è limitato ai percorsi stradali. Fatto che che Morpho, che è già operativo su alcune strade di Dubai, è una perfetta dimostrazione delle capacità di questa nuova generazione di strumenti di controllo della circolazione, ben maggiori di quelle dei nostri Tutor o delle telecamere di sorveglianza degli incroci.

 

Gli occhi di Morpho

Il punto di forza del dispositivo sta tutto nel suo nome: Morpho è infatti in grado di trasformarsi – in tempo reale – moltiplicandosi in numerosi apparecchi di controllo e sanzione automatica delle infrazioni: si va dal superamento dei limiti di velocità, differenziati però per tipologia di veicolo (basti citare il caso delle “miniauto” o dei ciclomotori, che quasi ovunque sono soggetti a limiti diversi rispetto alle auto) fino al passaggio con il rosso, o ancora al sorpasso in zona vietata.

I diversi “occhi” elettronici di cui Morpho è dotato leggono istantaneamente le targhe, le confrontano con gli elenchi ufficiali dei veicoli rubati o di quelli privi di copertura assicurativa, ma possono anche valutare in un tratto di strada molto esteso la traiettoria di un’auto o di una moto, sanzionando manovre vietate, superamenti delle linee di segnaletica orizzontale in prossimità di un incrocio e perfino il mancato rispetto della distanza di sicurezza. Nelle strade urbane, inoltre, il dispositivo è tecnicamente capace di rilevare se si compie una manovra non consentita (classico il caso del sorpasso a destra) o se viene occupata, anche per un breve tratto, una corsia riservata.

Prodotto il Francia dal colosso della sorveglianza elettronica Safran, Morpho – come si legge su Auto Plus – è in fase di omologazione da parte del Governo francese, che nell’ambito delle 55 misure adottate dal Consiglio interministeriale sulla sicurezza stradale (CISR) dovrebbe installarlo in una serie di punti “neri” della sua rete stradale urbana (quelli cioè caratterizzati da un’elevata frequenza di incidenti) e sulle strade a scorrimento veloce. E’ il futuro della mobilità, bellezza…