MotoGP, Valentino Rossi: “Basta errori, non posso permettermelo”

Valentino Rossi 2016
Valentino Rossi (©Getty Images)

Nel 2015 Valentino Rossi aveva conquistato due vittorie e un terzo posto nelle prime tre gare, quest’anno ha la metà dei punti dopo la caduta in Texas, il podio fortunoso in Argentina e la quarta piazza in Qatar. Numeri che non mettono in allarme il campione di Tavullia ma che scoraggiano tutti quei tifosi che sognano il decimo titolo iridato.

Con l’arrivo delle gomme Michelin e della centralina unica Magneti Marelli il feeling con la Yamaha YZR M1 sembra essersi in parte deteriorato, ma il Dottore non è della stessa opinione. Se oggi si trova a quota 33 punti in classifica piloti è solo per una serie di circostanze sfortunate e con l’arrivo dei circuiti più favorevoli i risultati dovrebbero assumere una piega diversa.

In attesa del prossimo GP di Jerez, pista che il pesarese conosce a memoria come molti altri, Valentino Rossi fa un primo bilancio stagionale: “In Qatar sono andato bene, ero lì: quarto. In Argentina ho avuto fortuna, è vero: secondo. Qui in Texas poteva essere una gara bellissima”, ha detto al termine della tappa di Austin, come riporta l’edizione online di ‘Repubblica’.

“L’assetto della Yamaha è buono, e con le Michelin mi trovo bene: solo che gomme così non ti perdonano il minimo errore”, al contrario delle Bridgestone con cui era più difficile perdere il controllo. La lotta per il Mondiale si giocherà soprattutto sulle gomme e sulla capacità di entrare in confidenza con loro: “Lo avevo detto: nei primi gran premi ci sarà grande incertezza, vincerà chi saprà adattarsi per primo a gomme e centralina comune. Voi dite che Marc c’è già riuscito? Non lo so, vedremo tra due settimane a Jerez de la Frontera”, ha sottolineato il #46 della MotoGP.

Ma nessun problema con la moto, su questo assicura il pluricampione: “In Texas non sono mai andato così forte come in questi giorni: ho fatto delle buone prove, ho chiuso terzo nelle qualifiche e il warm della domenica mattina era stato entusiasmante. Ero forte in staccata, c’era grip… Sono fiducioso. Adesso andiamo in Europa, ci sono circuiti in cui le Yamaha fanno la differenza – ha concluso Valentino Rossi -. L’importante sarà con commettere errori, neppure piccoli. Non posso più permettermelo”.