Self-driving car Ford: “prova” a fari spenti superata (VIDEO)

330E8D4200000578-3533715-Ford_has_tested_its_self_driving_cars_on_winding_country_roads_i-a-4_1460369828939

Un occhio laser per vederci al buio. Sta tutta qui (e scusate se è poco) la rivoluzione dell’auto a guida autonoma di Casa Ford. Lo dimostra questo straordinario video che proponiamo ai lettori di Tuttomotoriweb.

E’ ormai cosa nota che Ford, forse in vista di una collaborazione con un colosso come Google, sta lavorando al perfezionamento delle sue auto a guida autonoma che già ad inizio anno erano state messe a dura prova su ghiaccio e neve. Lo storico produttore automobilistico torna ora a testare la sua self driving car in condizioni difficili, per non dire “critiche”, ossia di guida notturna.

 

La Ford al test del buio

L’iniziativa prende il nome di Project Nightonomy ed è l’ultimo esperimento del team alle prese con le auto che si guidano da sole di Ford. Come ci mostra questo video, diffuso dallo stesso costruttore sul Web, grazie al sistema di scansione laser LIDAR l’auto è capace di guidare nella totale oscurità anche a fari spenti. Come dire: le self-driving di Ford non temono niente…

L’obiettivo del test, però, non era solo quello di mettere in mostra le capacità di guida notturna del sistema, ma anche dimostrare che in caso di malfunzionamenti del sensore basato su telecamera, l’auto è in grado di continuare a guidare grazie allo scanner laser.

In effetti, più volte Ford ha elogiato i LIDAR di Velodyne, quelli che usa sulle sue Ford Fusion intelligenti, e ora si dice pronta a portare il suo sistema di guida autonoma a un livello superiore grazie all’ultima versione dei sensori (Ultra Puck), capaci di vedere fino a 200 metri di distanza.

Wayne Williams, ricercatore e ingegnere di Casa Ford, ha partecipato direttamente all’esperimento ed è entusiasta dei progressi compiuti dall’auto a guida autonoma: “Nell’abitacolo sentivo che la vettura si muoveva – ha raccontato al Daily Mail – ma se guardavo fuori dal finestrino vedevo solo buio”.