Jorge Lorenzo: “Spero che Yamaha abbia l’ambizione della Honda”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Jorge Lorenzo con il secondo posto di Austin ha almeno in parte riscattato la caduta nel Gran Premio d’Argentina, ma si trova già a 21 punti di ritardo dal leader Marc Marquez, vincitore delle ultime due gare e lanciatissimo con la sua Honda. Il campione del mondo in carica ha comunque davanti a sé ancora molti GP e c’è tutto il tempo per recuperare, però dovrà limitare i passi falsi perché il connazionale quest’anno sembra determinato a riconquistare il titolo mondiale MotoGP.

Il prossimo appuntamento è tra due settimane a Jerez de la Frontera, in Spagna, dove l’odore di casa potrebbe dargli grandi motivazioni a tornare al successo. Il maiorchino vuole sicuramente rispondere al rivale per dimostrare di essere il migliore e di volersi confermare campione.

Jorge Lorenzo punzecchia la Yamaha

Jorge Lorenzo dopo il Gran Premio degli Stati Uniti ha lanciato un messaggio molto importante alla Yamaha, una frecciatina che sicuramente il team ha registrato e che può aver in qualche modo anche innervosito l’ambiente: “Dubbi? Dipende dalla ambizione della Yamaha per migliorare la moto – riporta Marca -. Bisogna vedere se c’è il desiderio e l’ambizione di migliorare durante la stagione, perché la Honda sembra che lo faccia”.

Il pilota spagnolo è sceso poi nel dettaglio spiegando quali sono gli ambiti nei quali c’è la necessità di compiere dei progressi al più presto: “Se miglioriamo l’elettronica, la nostra debolezza, siamo in grado di recuperare punti nelle gare d’Europa. Se però loro continuano a migliorare, sarà più complicato. A differenza di Honda, abbiamo iniziato molto bene e abbiamo mantenuto quella moto senza grandi miglioramenti, invece la Honda ha iniziato male e poco a poco si sta avvicinando. Spero che Yamaha migliori sia l’elettronica che la sensazione che abbiamo con le gomme”.

Jorge Lorenzo è consapevole di non avere grossi margine di errore in un campionato MotoGP così competitivo e auspica di non totalizzare più zeri nelle gare future: “Più che in questi ultimi anni sarà importante finire le gare. Ha avuto un sapore brutto la caduta Argentina perché potevo finire punti, ma ormai è andata. Ora proverò a far sì che quella sia l’unica scivolata del campionato, anche se sarà difficile”.  Vedremo se il maiorchino raggiungerà il suo ambizioso obiettivo.