Carlo Pernat: “Lorenzo irriconoscibile dopo il sì a Ducati”

Carlo Pernat
Carlo Pernat (© Getty Images)

Il GP di Austin si conclude con la caduta di tre big e secondo Carlo Pernat buona parte delle cause sono da attribuire al mancato feeling con le nuove gomme Michelin.

A finire sull’asfalto texano sono stati Valentino Rossi, Andrea Dovizioso e Dani Pedrosa, sebbene sia da ricordare che il Dovi è stato falciato dallo spagnolo della Honda. Ma si è caduto tanto anche nei giorni precedenti, compresi Marc Marquez e Jorge Lorenzo. E’ ancora difficile capire il limite dei nuovi pneumatici e un minimo errore può costare caro, quindi vincerà chi saprà adattarsi al meglio.

“Ragazzi che casino con le Michelin, i piloti non fanno che cadere, non riescono a capire il limite oltre il quale non possono andare – ha commentato Carlo Pernat sui social -. Ogni gran premio avrà una storia diversa e questo avrà ripercussioni su ogni gran premio. Marquez ha metabolizzato i problemi della scorsa stagione e con la testa e con il manico ha recuperato i casini passati nel 2015. Irriconoscibile Lorenzo che da quando ha detto si alla Ducati sembra un altro pilota”.

Non va meglio a Valentino Rossi che dopo tre gare ha collezionato un solo podio (fortunoso)… e la corsa al titolo iridato diventa molto difficile: “Brutto errore di Valentino con uno zero che lo porta a 33 punti da Marquez, troppi dopo 3 gran premi. Bravo Iannone – ha aggiunto il manager ligure – che ha preso un podio importantissimo per la sua testa dopo il disastro creato in Argentina. Per quanto riguarda Dovizioso penso che se andasse a Lourdes troverebbe chiuso, è veramente sfortunato”.