MotoGP Austin, Andrea Iannone: “Avevo bisogno di un podio”

Andrea Iannone
Andrea Iannone (©Getty Images)

Dopo due ritiri nelle prime due gare Andrea Iannone chiude il GP di Austin sul terzo gradino del podio e si fa perdonare in parte l’errore commesso in Argentina una settimana, quando a pochi metri dal traguardo ha messo giù Andrea Dovizioso e lui stesso in un tentativo di sorpasso impossibile.

In Texas il Dovi è finito nuovamente sull’asfalto, stavolta steso dalla Honda di Dani Pedrosa, rischiando di farsi male. “Ho preso un po’ di botte, ma sono stato pure fortunato: se Pedrosa mi prendeva più avanti potevo farmi male”, ha raccontato Andrea Dovizioso come riporta ‘La Gazzetta dello Sport .

“È stato un week end non facile, ma in gara è venuta fuori la realtà che dice che potevo fare il podio in tutte e tre le gare. Due k.o. su tre non per colpa mia è tanto, ma vedo i lati positivi per ripartire da Jerez con slancio. Ero alla spalle di Lorenzo, ma eravamo tutti al limite e nessuno aveva grip sufficiente davanti, però potevo giocarmi la seconda posizione e nella peggior ipotesi ero terzo – ha concluso il forlivese -. Il podio ci stava e sarebbe stato oro”.

Sorride Andrea Iannone che finalmente chiude il Gran Premio al 3° posto conquistando i primi punti in chiave iridata: “Sono molto contento perché avevo bisogno di un podio. Dopo i primi due round della stagione ero in una situazione molto difficile, pesava una forte pressione su di me, perché improvvisamente sembrava che tutto quello che facessi finisse in maniera molto critica”, ha ammesso il pilota di Vasto.

“Qui a Austin la mia Ducati in ogni sessione mi ha permesso di lavorare sempre meglio ed ero molto fiducioso per la gara – ha aggiunto Iannone -. Tuttavia sono dovuto partire dalla terza fila e così è stato piuttosto difficile nei primi giri. Nella prima curva mi sono leggermente toccato con Dani Pedrosa, ma ho potuto portare il mio terzo posto in modo sicuro”.