MotoGP Austin, Jorge Lorenzo: “Marquez fa la differenza”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Jorge Lorenzo chiude il venerdì di prove libere al 5° posto e prevede un week-end in salita visto il ritmo della Honda di Marc Marquez che su questo circuito ha sempre padroneggiato. Il maiorchino è stato costretto a passare alla moto di riserva nel pomeriggio per un problema al motore, ma anche con la prima M1 sarebbe stato impossibile tenere il passo dell’avversario.

Le FP2 del GP di Austin vede Jorge Lorenzo a 8 decimi dalla Honda ufficiale e lascia prevedere una gara quasi a senso unico, anche se gli errori sono all’ordine del giorno in Texas e basta poco per finire sull’asfalto. “Questo pomeriggio abbiamo avuto alcuni problemi con il motore sulla prima moto”, ha spiegato il pilota Yamaha. “Non potevamo continuare con questa moto, che ha avuto la migliore impostazione, e con la seconda moto abbiamo provato una diversa impostazione che non era buona. E anche le gomme. Ho messo la gomma anteriore morbida e non funzionava bene a 2:00 nel pomeriggio con questa temperatura”.

Il potenziale è buono e ci sono ampi margini di miglioramento, soprattutto in vista delle qualifiche, dove sarà fondamentale piazzarsi davanti per evitare che Marc Marquez prenda il largo: “E’ veramente veloce – ha ammesso Lorenzo -. Io non credo che sia la Honda a fare la differenza, è lui; lui ama questa pista e si sente molto a suo agio… Dobbiamo evitare cadute, fare un buon risultato e poi andare a Jerez dove le cose possono cambiare di molto”.

La scelta della mescola sarà fondamentale per assicurarsi un posto sul podio, ma bisognerà fare i conti con le Ducati, con la Suzuki di Maverick Vinales e con Valentino Rossi: “Le soft sono troppo morbide, soprattutto nel pomeriggio. Le medie potrebbero essere la gomma da gara – ha concluso Jorge Lorenzo -, perché alcuni piloti hanno provato l’opzione più duro e sono stati ‘bloccati’ sul rettilineo”.