F1, Montezemolo: “Fiducioso per Schumacher e Vettel”

Luca Cordero di Montezemolo
Luca Cordero di Montezemolo (©Getty Images)

Luca Cordero di Montezemolo è un personaggio che di Ferrari se ne intende, essendone stato presidente dal 1991 al 2014 vincendo con Michael Schumacher cinque titoli mondiali piloti e sette costruttori in Formula1. Una presidenza vincente la sua e sicuramente il suo successore Sergio Marchionne auspica di ripercorrerne le orme, magari facendo anche meglio, seppur sia molto difficile.

Per la scuderia di Maranello l’imprenditore bolognese è una figura storica, che già negli anni Settanta assunse il ruolo di Responsabile del reparto Corse trionfando per tre volte nel campionato costruttori e ottenendo due allori iridati piloti con Niki Lauda. Fu anche assistente del grande Enzo Ferrari, dal quale ebbe l’opportunità di apprendere molto.

Luca di Montezemolo parla di Schumacher e Vettel

Il legame di Luca Cordero di Monzezemolo con Michael Schumacher è fortissimo, quasi quanto quello di un padre con un figlio. I due hanno condiviso insieme tante gioie e anche qualche dolore. Adesso l’ex pilota tedesco si trova nella sua villa svizzera di Gland a cercare di recuperare dopo il terribile incidente sulla pista di sci francese a Meribel. Il presidente di Alitalia si è detto ottimista in merito a un miglioramento delle sue condizioni: “Sono molto fiducioso nel recupero di Michael. Lo dico con forza e convinzione – riporta La Gazzetta dello Sport -. Michael è ancora oggi per me un compagno di vita. Per 11 anni abbiamo vinto tanto e avuto figli con le nostre vittorie. La sua forza è la grande capacità di reagire e sono molto fiducioso, lo dice con forza perché in passato alcune mie parole sono state male interpretate, ma sono convinto che abbia dentro di sé la forza di reagire. Stare a casa circondato dagli affetti della famiglia sarà fondamentali per il suo recupero”.

L’erede designato di Michael Schumacher è stato sempre considerato Sebastian Vettel, il quale alla sua prima stagione in Ferrari ha ottenuto tre vittorie e quest’anno intende vincere il titolo. Però in Bahrain l’ex pilota Red Bull si è dovuto ritirare ancora prima della partenza. Luca Cordero di Montezemolo resta fiducioso: “Meglio che si rompa un motore prima di partire in seconda fila che non subire nessuna rottura partendo sempre in ottava. Ricordo che Schumacher nel ’96 appena ruppe il motore a Magny Cours nel giro di ricognizione, una grande delusione, ma poi noi vincemmo a Spa e a Monza. Mi auguro che quello di domenica sia un segnale che ci riporta a quegli anni lì e sia di buon auspicio. C’è molto, molto da lavorare, come sempre in F.1”.