Incidente Paul Walker: Porsche assolta dal giudice

Paul Walker (Getty Images)
Paul Walker (© Getty Images)

La Porsche non può essere ritenuta responsabile della morte di Paul Walker. Così ha deciso il giudice distrettuale di Detroit Philip S. Gutierrez in merito alla causa intentata dalla moglie di Roger Rodas, Kristine, secondo cui la Porsche Carrera GT guidata dal marito – e su cui viaggiava il noto attore – sarebbe stata priva degli adeguati dispositivi di sicurezza.

Nel tragico incidente, avvenuto nel 2013 in California, Walker e Rodas persero entrambi la vita, ma il magistrato in questione ha negato qualsiasi responsabilità del costruttore riconducibile a difettosità meccaniche e progettuali, come sostenuto invece dalla moglie di Rodas.

 

Le prove che scagionano Porsche

Nella sentenza, in particolare, viene specificato che non ci sono prove sufficienti per stabilire se la Porsche Carrera GT era priva o meno degli adeguati sistemi di sicurezza. Il giudice spiega inoltre che non c’è alcuna evidenza del fatto che le sospensioni della vettura avessero ceduto prima dello schianto, come invece affermato dall’accusa. A detta della Rodas, infatti, la Porsche aveva problemi alle sospensioni e deboli protezioni laterali e queste avrebbero causato l’esplosione del serbatoio del carburante in una palla di fuoco.  Il giudice Gutierrez ha respinto tale ricostruzione dei fatti perché dall’autopsia è emerso che Rodas è morto per le letali ferite riportate nell’impatto e non per le fiamme.

Insomma, lo schianto della vettura contro un albero ed un lampione su una strada di Santa Clarita, sobborgo a nord di Los Angeles, è stato causato dall’alta velocità cui Rodas stava guidando l’auto di cui ha perso il controllo.

La vicenda non è però ancora chiusa per Porsche, visto che Kristine Rodas ha già fatto sapere che impugnerà la decisione del giudice e presenterà ricorso. Questo mentre la Casa di Stoccarda sta ancora affrontando altre due cause legali per la morte dell’indimenticabile attore di Fast & Furious, una intentata dal padre e una dalla figlia dell’attore scomparso.