Pol Espargaro attacca: “Argentina GP su misura per Ducati”

Pol Espargaro
Pol Espargaro (Getty Images)

Pol Espargaro non ci sta e si scaglia contro la Ducati per quanto avvenuto nel Gran Premio d’Argentina. Infatti la gara è stata suddivisa a metà per motivi di sicurezza dopo lo scoppio del pneumatico Michelin sulla Ducati di Scott Redding. La Direzione Gara ha deciso, infatti, che per evitare il ripetersi della stessa situazione fosse opportuno optare per un cambio coperture a metà corsa.

Il pilota del team Tech3 Yamaha si è arrabbiato per quanto avvenuto: “La gara è stata fatta su misura per la Ducati – riporta Marca -. Diciamo che la Michelin ha molti problemi, ma uno è la Ducati. Hanno 17 km/h più di noi velocità sul rettilineo e consumano più di noi gli pneumatici. Se la Ducati non è in grado di usare quelle gomme, che riducano la potenza. O facciano degli pneumatici per loro”.

Lo spagnolo se la prende con la Ducati e non la Michelin, le cui coperture funzionano bene sulle altre moto. Finora solo le rosse hanno avuto problemi. Lo scoppio del pneumatico finora è avvenuto solamente con Loris Baz e Scott Redding, due ducatisti. Quindi Pol Espargaro ritiene che debbano essere soprattutto a Borgo Panigale a capire cosa fare.

Tra l’altro il rider 24enne è arrabbiato anche perché il cambio gomme a metà gara gli ha impedito di avere la meglio proprio su alcuni colleghi in sella alla Ducati: “E’ vero che questa volta eravamo un po’ più indietro, ma in condizioni normali Barbera e Laverty non sarebbero stati con noi, perché avrebbero distrutto le gomme come sempre”.

Vedremo se la ‘denuncia’ di Pol Espargaro avrà qualche conseguenza. Se solo sulle moto rosse c’è un problema con le gomme Michelin, un motivo ci sarà. Va detto che Loris Baz e Scott Redding sono due tra i piloti dalla stazza maggiore in MotoGP e dunque anche questo potrebbe aver influito insieme al discorso della potenza della moto.