MotoGP: Marc Marquez “prenota” la vittoria ad Austin

Marc Marquez (© Getty Images)
Marc Marquez (© Getty Images)

Dopo la vittoria di domenica scorsa nel Gran Premio d’Argentina, che gli è anche valsa la leadership provvisoria della classifica iridata, Marc Marquez “prenota” anche il successo di Austin, dove si disputerà il prossimo round del Motomondiale 2016 della MotoGP. La pista statunitense è molto amata dal #93 della Honda, anche perché negli ultimi tre anni l’ha visto sempre trionfare.

L’obiettivo per domenica prossima, dunque, sta tutto in una parola: “bis”. “Quella di Austin è una pista che mi piace, dove mi sento forte e dove ho sempre fatto bene divertendomi – dichiara Marc Marquez sul sito ufficiale del team MotoGP Honda – . Detto questo è una pista che richiede una forte accelerazione e quest’anno, almeno fino ad’ora non è uno dei nostri punti di forza”.

Insomma, il Fenomeno di Cervera non intende riposare sugli allori, ben sapendo che il cammino verso il titolo iridato 2016 è ancora tutto in salita. “Dovremo vedere come andrà – aggiunge lo spagnolo – e dovremo capire come gestire la situazione. Continueremo a lavorare sodo come abbiamo fatto in Argentina e cercheremo di trovare il miglior ritmo per la gara”.

 

La parola a Dani Pedrosa

Il team mate di Marquez, Dani Pedrosa, arriva ad Austin dopo il podio Argentino di Termas de Rio Hondo. Anche al #26 del Repsol Honda Team piace molto il circuito e soprattutto l’atmosfera che si respira nelle gare d’oltreoceano. “Non vedo l’ora di correre ad Austin – dichiara infatti il pilota di Sabadell sullo stesso sito – . C’è qualcosa di speciale nell’atmosfera delle corse americane, e oltre a questo, è una pista che mi piace molto”.

“Lo scorso anno ho saltato il Gran Premio – ricorda Pedrosa – , ma nei due anni precedenti ho fatto due podi”. Quest’anno offrirà l’occasione per rifarsi? “Il nostro passo nelle prime due gare non è stato quello che avremmo voluto, abbiamo assolutamente bisogno di continuare a lavorare per trovare un po’ di velocità”, riconosce il rider di Casa Honda, osservando in conclusione che “tutto sommato, siamo terzi in campionato, ma abbiamo bisogno di fare un passo in avanti se vogliamo lottare per il podio in ogni gara”.