Tesla Model S vs. Boeing 737-800: sfida impossibile (VIDEO)

(foto dal Web)
(foto dal Web)

Metti un Boeing 737-800, una Tesla Model S P90D, una pista e un po’ di fantasia… gli ingredienti per una sfida impossibile, ai limiti della follia, ci sono tutti.

Alzi la mano chi non è curioso di sapere chi delle due “macchine” vincerebbe. Ebbene, basta guardare questo video che proponiamo ai lettori di Tuttomotoriweb per scoprirlo.

Molti si stupiranno nel constatare che a terra l’auto elettrica: in modalità “Ludicrous Mode” accelera più di quanto riesca a fare l’aereo! Come ben documentano le immagini del filmato, nei primi secondi dopo il via, la Tesla guidata dal driver Tony d’Alberto scatta, poi il Boeing la raggiunge. I due si tengono testa finché l’auto non tocca la sua velocità massima, 250 km/h, ma l’aereo la supera un attimo prima di decollare, arrivando alla bellezza di 140 nodi, circa 260 km/h.

La gara si è svolta sulla pista – lunga ben tre chilometri – dell’aeroporto di Avalon, a sud ovest di Melbourne, in Australia.  Una sfida incredibile – come definirla altrimenti? – organizzata dal marchio californiano e dalla compagnia di bandiera australiana, Qantas, per celebrare la nuova partnership che prevede vantaggi per i clienti di entrambe le aziende.

Il capo della divisione “ambiente e carburanti” di Qantas, Alan Milne, ha dichiarato che la collaborazione nasce dall’identità di vedute tra i due brand e aggiunto: “quale modo migliore per celebrare quest’alleanza che una corsa unica – auto contro aereo?”.

La Tesla immortalata in questo video è la versione top della Model S, la P90D, ossia quella con batteria da 90 kWh, doppio motore e trazione integrale: un gioiellino che in Italia costa circa 124 mila euro. L’espressione Ludicrous Mode – in italiano “velocità smodata” – è una citazione del film “Balle spaziali” e indica la modalità di accelerazione più spinta della Model S. Selezionandola dal pannello di controllo, si abbassa del 10% il tempo nello scatto 0-100, a 3 secondi netti (delle straordinarie performance di cui questa vettura è capace vi avevamo già dato conto). E scusate se è poco…