20 anni nel Motomondiale, grazie Valentino Rossi!

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Venti anni fa l’esordio di Valentino Rossi nel Motomondiale: era il 31 marzo del 1996, aveva 17 anni e correva il GP della Malesia nella classe 125 in sella all’Aprilia Futura, concludendo al sesto posto. Il primo debutto avvenne tre anni prima nel campionato Sport Production in sella alla Cagiva Mito 125.

Sono passati venti anni di emozioni, di gare, di gioie. Nove titoli mondiali e un decimo svanito per un soffio, in maniera sin troppo beffarda. Tutto è iniziato nel 1996, in Malesia, a Shah Alam, un circuito che ormai non esiste più, sostituito da quello di Sepang, dove nel 2011 ha perso la vita il suo caro amico Marco Simoncelli proprio sotto i suoi occhi. Tappe di una carriera leggendaria che sarà ineguagliabile per chiunque.

Perchè Valentino Rossi non è solo detentore di nove titoli iridati, ma ha segnato la storia di questo sport. Valentino Rossi è la MotoGP. Difficile immaginare cosa sarà questo sport senza di lui. Dopo il biennio alla Ducati in molti pensavano che fosse un pilota finito, sulla via del tramonto. Ma oggi ha 37 anni e continuerà con Yamaha fino alla fine del 2018, quando sfiorerà la quarantina.

Alla vigilia del GP del Qatar 2016 il Dottore ha firmato quello che dovrebbe essere il suo ultimo contratto in classe regina, spiazzando tutti, per la gioia di milioni di tifosi che all’unisono invocano quel mondiale sfumato l’anno scorso dopo le polemiche di Sepang e quella penalizzazione che gli ha ‘spezzato le gambe’ nell’ultimo GP di Valencia.

Valentino Rossi festeggerà questo 20° anniversario in Argentina, sul circuito di Termas de Rio Hondo, seconda tappa del Motomondiale 2016. Dopo il 4° posto in Qatar di due settimane l’obiettivo è ritornare quanto prima sul podio per rincorrere il sogno del decimo titolo mondiale. L’anno scorso fu lui a trionfare festeggiando con una delle solite gag e una dedica particolare a Diego Armando Maradona.