MotoGP Ducati: Casey Stoner “soddisfatto” dei test in Qatar

Casey Stoner
Casey Stoner (© Getty Images)

 

Dopo il breve “rodaggio” di lunedì scorso, interrotto anzitempo a causa della pioggia battente, Casey Stoner è finalmente riuscito a completare una giornata di test senza particolari intoppi sul circuito del Qatar in sella alla Desmosedici GP. Il pilota australiano ha completato un totale di 65 giri, definendo “molto produttivo” l’esito del test, ma la Ducati non ha reso noti i suoi tempi.

“Sono molto stanco!”, ha dichiarato Stoner appena sceso dalla moto, come riporta Motorsport. “Anche se le condizioni non erano le migliori, sono rimasto a lungo in pista – ha aggiunto – . Ha piovuto un pochino, ma quando l’asfalto si è asciugato, ho avuto il tempo di completare il programma previsto”.

 

Il giudizio sulla nuova Ducati

Il due volte campione del mondo della MotoGP si è poi lasciato andare a qualche commento sulla nuova “macchina” di Borgo Panigale. La due-giorni di test a Losail è stata infatti per lui l’occasione di guidare per la prima volta l’inedita Ducati, dopo aver utilizzato la vecchia GP15 nelle prove di febbraio in Malesia. “Ho capito che la Desmosedici GP è abbastanza differente dalla GP15. Mi sarebbe piaciuto provare il nuovo prototipo per due giorni, ma siamo soddisfatti di ciò che siamo riusciti a fare”.

“Alla fine abbiamo provato molte cose, alcune sono andate bene ed altre non troppo, ma siamo soddisfatti della direzione che stiamo prendendo” ha concluso il pilota di Southport.

Nel prossimo appuntamento in Argentina, in ogni caso, con Pramac dovrebbe correre Michele Pirro al posto dell’infortunato Danilo Petrucci, anche se non è stato ancora fatto un annuncio ufficiale in merito. Lo stesso Stoner ha negato ieri l’ipotesi di un suo coinvolgimento diretto nella prossima gara. Il pilota pugliese aveva già corso nel 2014 a Termas de Rio Hondo, come sostituto di Cal Crutchlow nella squadra ufficiale di Borgo Panigale. Petrucci, nel frattempo, è stato sottoposto ad un altro intervento chirurgico all’Ospedale Policlinico di Modena, dove è stata stabilizzata la frattura della mano destra provocata dall’incidente avvenuto in Australia nel corso del secondo test pre-campionato.