MotoGP Yamaha, Lin Jarvis: “Speriamo che Jorge Lorenzo rimanga”

Lin Jarvis (© Getty Images)
Lin Jarvis (© Getty Images)

 

Se Valentino Rossi è un punto fermo per il team Yamaha, dopo il rinnovo biennale ufficializzato nei giorni scorsi, Jorge Lorenzo è ancora un punto interrogativo. All’indomani del successo nel primo GP stagionale in Qatar, infatti, lo spagnolo continua a essere in dubbio sull’ipotesi di rimanere nella squadra dei Tre Diapason e ci si sta già interrogando sul futuro. Intanto il team principal della scuderia, Lin Jarvis, confida: “Abbiamo fatto la nostra migliore offerta anche a Jorge e speriamo che rimanga…”.

 

Trattativa a oltranza

Dopo l’annuncio del rinnovo di Valentino Rossi con la Yamaha, il direttore del team Lin Jarvis assicura di aver presentato l’offerta ai piloti nello stesso momento. Ora è il maiorchino che deve decidere se rinnovare o partire. “Siamo tutti consapevoli che se Jorge se ne va chi lo sostituirà non potrà subito eguagliare il suo rendimento, non ci sono dubbi – ammette il patron della scuderia, come riporta Speedweek – . Come team noi però dobbiamo avere un piano B e un piano C. Abbiamo alcune idee in testa ma nomi non ne facciamo anche perché speriamo di continuare con i due che abbiamo che sono i migliori al mondo”.

Uno dei candidati che potrebbe sostituire Lorenzo se non si arrivasse al rinnovo di contratto è Maverick Vinales, ma Jarvis spera – comprensibilmente – che l’epilogo della partita sia ben diverso. “Jorge aveva detto che voleva rinnovare prima che iniziasse la stagione e quindi abbiamo preparato le offerte per i due piloti e presentarli nel corso della settimana precedente al GP – ricorda il manager – . Valentino ha deciso di firmare il suo contratto, mentre Jorge non lo ha fatto”.

Jarvis ha poi aggiunto che non ci saranno ulteriori negoziati, perché Lorenzo ha già in mano “la migliore offerta che abbia mai ricevuto dalla Yamaha, di più non possiamo offrirgli”. La palla quindi passa al pilota: “E’ lui che deve decidere se rimanere con noi o meno. E’ chiaro che noi lo vorremmo tenere, ma se decide di andare via, ce ne faremo una ragione”.

Lorenzo ora ha un margine di tempo prima che scada l’offerta della Yamaha e che quest’ultima vada a cercare un sostituto – anche se Jarvis non rivela una data precisa a tale proposito. Il manager sembra avere comunque le idee piuttosto chiare su quale sarebbe il futuro di Jorge: “Presumibilmente la Ducati, la Honda ha già un top rider. Ducati ha già due buoni piloti, ma sicuramente ne vuole uno dei migliori quattro”, conclude.