Lin Jarvis: “Valencia devastante, ma Rossi può lottare ancora”

Valentino Rossi e Lin Jarvis (Getty Images)
Valentino Rossi e Lin Jarvis (©Getty Images)

Sono in molti a domandarsi se per Valentino Rossi il 2015 abbia rappresentato l’ultima chance di poter vincere il decimo titolo mondiale oppure se anche nel 2016 potrà essere nuovamente protagonista fino alla fine. Intanto la prima gara del nuovo campionato in Qatar lo ha visto arrivare quarto dietro agli acerrimi rivali Jorge Lorenzo e Marc Marquez, oltre che alla Ducati di Andrea Dovizioso. L’anno scorso, invece, sulla pista di Losail fu lui a trionfare.

Ma è ancora presto per capire se effettivamente il nove volte campione del mondo sarà o meno della partita. Serviranno un po’ di gran premi per farsi un’idea più chiara. La certezza è che l’uomo da battere sarà il suo compagno di box in Yamaha.

 

Lin Jarvis ha fiducia in Valentino Rossi

Lin Jarvis, managing director della Yamaha, è stato interpellato dal noto portale Speedweek.com a proposito della possibilità di Valentino Rossi di battagliare ancora per la vittoria del titolo. Queste le sue parole sul tema molto dibattuto: “Non credo che sarà facile per lui. L’anno scorso ha compiuto un grande sforzo, ha vinto la prima gara ed è stato in testa per tutto il Mondiale. Questo ha causato anche grande pressione su di lui. Senza dubbio, la stagione invernale non è stato divertente per Valentino. Il Sepang GP 2015 è stato difficile, ma credo che Valencia è stata veramente devastante. Credo che Valentino era contento quando finalmente è stato in grado di salire sulla moto a febbraio”.

Lin Jarvis dunque ammette che il pilota di Tavullia probabilmente faticherà di più rispetto al 2015 nel contendersi la corona iridata, però non lo taglia assolutamente fuori dalla lotta: “Valentino è in forma. Quando lo abbiamo visto in inverno per la prima volta, era mentalmente già in una buona condizione. Credo che sia pronto a tornare a lottare per il titolo. Può farlo? Perché no? Jorge ha preso qualche cantonata nel 2015 all’inizio della stagione e anche Márquez e la Honda hanno fatto durante l’anno alcuni errori. Può Valentino rimanere costante? Probabilmente, ma non so se riuscirà a recuperare il maggior numero di gare come l’anno scorso, perché ci sono stati molti cambiamenti”. Il managing director della Yamaha ha fiducia in Valentino Rossi, ma non nasconde le problematiche che possono sorgere.