F1, salta Monza: ipotesi Imola o Mugello dal 2017

GP Monza
GP Monza (©Getty Images)

Il Gran Premio di Monza non farà più parte del calendario del campionato di Formula1 dal 2017. Dopo mesi e mesi di trattative tra le parti, con il Governo Renzi impegnato in prima linea per difendere il prestigio nazionale, non si è arrivati ad un accordo soddisfacente. Il FOM (Formula One Management Limited) guidato da Bernie Ecclestone non ha accettato le proposte avanzate da Angelo Sticchi Damiani, il presidente dell’Aci (Automobile Club Italiano).

Un vero peccato che un appuntamento così storico e sentito non compaia più tra i GP del Mondiale di F1. Era la corsa di casa per la Ferrari e per tutto il tifo italiano appassionato di automobilismo. Il calore del pubblico è sempre stato molto apprezzato da tutti i piloti, anche quelli che non hanno indossato la tuta rossa.

Tra i motivi della rottura dei negoziati ci sarebbe stato anche il desiderio del presidente Sias, Andrea Dell’Orto, di intervenire sul circuito di Monza per adattarlo maggiormente alla Superbike, cosa che non molto gradita da Bernie Ecclestone. Angelo Sticchi Damiani ai microfoni de IlFattoQuotidiano.it ha spiegato: “E’ stato tutto inutile, non ci sono più margini per trattare”.

Il tavolo è quindi saltato, però non è detto che l’Italia non possa comunque mantenere una corsa in Formula1. Si parla infatti dell’ipotesi che il Gran Premio d’Italia si disputi a Imola oppure al Mugello. Nell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari si è gareggiato dal 1981 al 2006. Nell’ultima edizione è stato Michael Schumacher a trionfare al voltante della Ferrari. Sicuramente sarebbe positivo un ritorno di questo appuntamento nel calendario. L’alternativa è una pista che storicamente è legata alla MotoGP, ma che di recente è stata omologata anche per la F1.

In Italia auspichiamo che possiamo continuare a goderci un gran premio. Perdere Monza sarebbe già grave, non avere alcuna gara nostrana sarebbe ancora peggio. Quindi speriamo che Imola o il Mugello possano rientrare nel calendario.