Audi R18, un bolide da 1.000 CV per il Mondiale Endurance

Audi R18
Audi R18 (photo Facebook)

Il 17 aprile prenderà il via il Mondiale Endurance 2016 e la casa degli Anelli parteciperà con la nuova Audi R18 per dare battaglia alla Porsche con quella che è stata preannunciata come la R18 più potente e veloce mai realizzata nella storia del marchio tedesco.

La vettura sembra quasi aver tratto ispirazione dalle monoposto di Formula 1, soprattutto nel frontale assottigliato, ed è stata praticamente riprogettata rispetto al modello precedente: “Tutto è nuovo e studiato per essere più competitivi ed efficienti – ha dichiarato il numero uno di Audi Sport, Wolfgang Ullrich – . L’anno scorso il concetto della macchina non era allo stesso livello dei nostri avversari, per questo abbiamo cambiato con l’obiettivo di renderla ancor più veloce e affidabile. Penso che le possibilità di vincere quest’anno sia il Mondiale che Le Mans siano davvero grandi”.

Tra le novità principali un telaio monoscocca e un sistema aerodinamico altamente efficiente, con un muso studiato per ridurre al minimo per ridurre i vortici e le turbolenze, un cambio ridotto a sei marce che ha consentito di ridurre il peso complessivo e una rivisitazione della sospensione anteriore (del tipo pushrod). La nuova Audi R18 sarà spinta da un motore V6 TDI da 3,5 litri da 520 CV abbinato alla MGU elettrica da 476 CV per un totale  diquasi 1000 cavalli per un peso di soli 875 kg. Altra grande novità riguarda il numero delle vetture in pista, due e non più tre come nel 2015, affidate a Marcel Fassler, André Lotterer, Benoit Treluyer su una vettura e Lucas Di Grassi, Loic Duval e Oliver Jarvis sull’altra.

Trattandosi di un bolide capace di raggiungere i 340 km/h Audi ha focalizzato l’attenzione anche sui dispositivi di sicurezza come i fari Matrix Led combinati con un sistema al laser, telecamere e monitor retrovisori, sistema di monitoraggio continuo della pressione delle gomme, controllo istantaneo della distribuzione della frenata.