Auckland: Lewis Hamilton indagato per un selfie in moto

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (©Getty Images)

La Formula 1 sbarca a Melbourne per la prima tappa stagionale, ma Lewis Hamilton è nei paraggi già da tempo e per poco non rischiava una multa per infrazione al codice della strada sulle strade di Auckland, a causa di un selfie a bordo di una Harley. Ma le disavventure del campione in carica non finiscono qui, visto che gli è stato vietato l’accesso ad un casinò.

In un tweet apparso e poi scomparso dalla rete Lewis Hamilton ha raccontato di aver avuto qualche problema in Nuova Zelanda: “Non andate mai al casino di Auckland, mi hanno trattato come un rifiuto – ha cinguettato il pilota inglese della Mercedes AMG F1 – – Non si può credere a quanto siano maleducati. La peggior esperienza al casinò di sempre!”. A quanto pare Hamilton è stato costretto a restare fuori a causa dell’abbigliamento ritenuto poco consono al locale.

La casa da gioco non ha mancato di rispondere: “SkyCity è molto dispiaciuta di sentire che Lewis Hamilton non si sia divertito nel nostro casinò la scorsa notte. Noi siamo orgogliosi di garantire un eccellente livello di servizi a tutti i nostri clienti. Attendiamo di conoscere da Mr Hamilton ulteriori dettagli su quanto avvenuto” e dopo uno scambio di battute la polemica è rientrata.

Ma le noie per il campione del Circus non finiscono qui, perchè la polizia neozelandese sta indagando su un video in cui il pilota gira un video selfie mentre entra in autostrada in sella ad una Harley Davidson. Un portavoce della polizia di Auckland ha dichiarato al ‘New Zealand Herald’ che le “autorità prendono una posizione forte su qualsiasi attività che pone un rischio eccessivo alla vita di una persona sulla strada”. A quanto pare stavolta è andata bene a Lewis Hamilton perchè, come spiega il portavoce, il filmato disponibile non fornisce la prova sufficiente che un reato si sia verificato”.