MotoGP, Marc Marquez: “Gomme e centralina sono imprevedibili”

Marc Marquez Dani Pedrosa
Marc Marquez e Dani Pedrosa (©Getty Images)

Il Repsol Honda Team ha avuto non pochi problemi nella fase prestagionale, specie con la nuova centralina unica Magneti Marelli e le gomme Michelin che non si sono subito sposate con la RC213V. Ma nell’ultimo giorno di test in Qatar Marc Marquez è riuscito a piazzarsi 4° davanti a Valentino Rossi, evidenziando un deciso passo in avanti, mentre Dani Pedrosa è apparso in maggior difficoltà.

Dopo gli errori della scorsa stagione Marc Marquez dovrà stare attento a non commettere altri sbagli simili. Significa che a volte dovrà saper fare a meno di ambire al gradino più alto del podio e chiudere a punti la gara. Come ad esempio nel primo GP a Losail, un circuito dove le Honda partono svantaggiate e si vedranno quasi certamente costrette ad inseguire la Yamaha.

“Il layout del circuito di Losail non è il migliore per la nostra moto, ma in passato sono salito sul podio e ho preso una vittoria con la RC213V. Domenica mi batterò per raccogliere il miglior risultato possibile – ha affermato il campione di Cervera -. Questo anno ci sono alcuni fattori che non sono prevedibili, come l’usura dei pneumatici sulla distanza di gara e il comportamento della macchina con la nuova elettronica. Ma Honda non ha mai evitato di lavorare duro, lo stesso vale per me e per la mia squadra”, ha assicurato il 2 enne pilota spagnolo.

Nonostante le difficoltà nei test Dani Pedrosa guarda con fiducia all’inizio del Mondiale in programma da giovedì 17 marzo: “Affronto il Qatar con un atteggiamento positivo. Abbiamo fatto progressi con l’elettronica, ma abbiamo ancora bisogno di migliorare il coordinamento del telaio e le gomme possono lavorare meglio. Durante il weekend di gara mi aspetto di andare meglio rispetto ai test. Il Qatar non è uno dei miei circuiti preferiti – ha concluso il pilota della Honda ufficiale -, ma qui sono già salito cinque volte sul podio”.