Ducati, Davide Tardozzi: “Vogliamo vincere. Lorenzo? Nessuna offerta”

Davide Tardozzi
Davide Tardozzi (Getty Images)

Il team manager Davide Tardozzi e tutti in Ducati si aspettano un grande campionato MotoGP 2016 da parte di Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, piloti chiamati a fare un salto di qualità rispetto a un 2015 che comunque ha regalato buoni risultati. Però l’obiettivo quest’anno è quello di migliorare, riducendo il gap da Yamaha e Honda.

Nell’intervista concessa a Crash.net lo stesso Davide Tardozzi ha ribadito quali sono i desideri della squadra per il 2016: “Di sicuro ci piacerebbe vincere le gare. Vorremmo comunque essere competitivi per il podio ogni gara. Questo significa che noi non vogliamo essere sempre sul podio, ma almeno competere per salirci e qualche volta vincere qualche gara”.

In Ducati le idee sono chiare dunque e dai test pre-campionato si sono ricavate informazioni utili per il futuro. Le sensazioni dei piloti sulla moto sono positive, in particolare per Andrea Iannone. Ma a brillare è stato anche Scott Redding nel team satellite Pramac, spesso vicino agli ufficiali. Per il team manager della casa di Borgo Panigale ciò non rappresenta un  problema, tutt’altro: “E’ assolutamente il benvenuto. Ci piace avere la nostra squadra satellite in lotta con noi”. Non c’è dunque preoccupazione nel vedere magari il britannico arrivare davanti ai due italiani.

Il campionato MotoGP 2016 deve ancora cominciare (la gara inaugurale è il 20 marzo a Losail, in Qatar), ma già in molti pensano pure al 2017 dato che ci sono molti piloti top in scadenza di contratto e dunque tra un anno potrebbe trovare una griglia di partenza diversa. Più volte alla Ducati è stato accostato Jorge Lorenzo, la cui permanenza in Yamaha non è sicura.

Davide Tardozzi sulla line-up futura si è così espresso: “Siamo concentrati sul presente e non ci pensiamo. Siamo contenti dei nostri piloti e sappiamo che possono migliorare. Ovviamente è stupito dire che Marquez e Lorenzo non ci interessano, così come qualsiasi top rider. Vedremo cosa succederà in futuro. Non abbiamo parlato con nessuno. Ci sono troppe voci e ci siamo arrabbiati quando è uscito che abbiamo fatto un’offerta a Lorenzo, perché non è vero. Lin Jarvis ci ha chiamati smentendo di averlo detto, l’abbiamo apprezzato”.