MotoGP, Livio Suppo: “Marc Marquez è innocente”

Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

Dopo la vittoria di due Mondiali consecutivi nella MotoGP Marc Marquez nel 2015 ha dovuto cedere lo scettro a Jorge Lorenzo e alla supremazia delle Yamaha. Le cinque cadute stagionali hanno condizionato irreversibilmente il tragitto verso il titolo iridato e quest’anno sarà fondamentale fare tesoro degli errori passati per tentare di rimettere le mani sul Mondiale.

Il fenomeno di Cervera sembra aver archiviato le polemiche con Valentino Rossi dopo il GP di Sepang, accusato di aver agevolato l’ascesa del connazionale Lorenzo. Un’ipotesi sempre fortemente smentita dal pilota Honda e dai vertici HRC, Livio Suppo in primis.

“Onestamente, penso che Marc abbia lasciato alle spalle tutto quello che è successo l’anno scorso. Questo non è così difficile per un ragazzo giovane”, ha detto in un’intervista a Speedweek.com. ” Ha fatto del suo meglio in tutte le gare e, a mio parere, non ha fatto nulla di male. Quindi non c’è nulla di cui lamentarsi”.

Attenzione focalizzata sul campionato, sulla RC213V che dovrà ancora essere perfezionata, sulla rincorsa a Jorge Lorenzo ancora distante nei test ufficiali. Il primo obiettivo sarà mettere da parte l’orgoglio, metabolizzare che non si può vincere ogni gara e che un quarto posto vale molto di più di una caduta evitabile. Bisognerà attendere i circuiti più favorevoli per assestare il colpo vincente e pazientare sui tracciati meno consoni alle caratteristiche della Honda, il cui motore resta ancora troppo aggressivo.

“L’anno scorso è stata una lezione per Marc, per la prima volta ha fatto veramente fatica nella sua vita – ha aggiunti Livio Suppo -. Ha imparato molto nel 2015 e ha ammesso di aver perso la Coppa del Mondo a causa del suo atteggiamento e a causa di problemi con la moto. Se ora all’inizio della stagione non siamo ancora al cento per cento sulla Honda, dobbiamo essere un po’ sulla difensiva, questo è normale”.