F1 McLaren, Fernando Alonso: “Il 2016 sarà migliore”

Fernando Alonso
Fernando Alonso (Getty Images)

Fernando Alonso e la McLaren nel 2016 sono chiamati a fare un campionato di Formula1 più da protagonisti e meno da comparse rispetto all’anno scorso. Nessuno si aspetta di vederli vincere o sul podio, però sarà importante che il team dia delle risposte positive e non naufraghi in un’altra stagione fallimentare. La loro storia vincente meriterebbe di essere premiata in pista con risultati apprezzabili.

Nei primi test a Barcellona sembra che la monoposto di Woking abbia compiuto dei passi in avanti, almeno in termini di affidabilità. Un anno fa di questi tempi i piloti facevano fatica a compiere anche pochi giri. Il 2015 è servito anche a capire meglio il motore turbo Honda e a rimediare agli errori passati.

 

Formula1, Fernando Alonso parla a 360°

Fernando Alonso è stato intervistato da TVE e gli è stato chiesto un commento su quella che è la Formula1 attuale, molto criticata per il poco spettacolo in pista e per regolamenti che non sembrano favorire la competizione, oltre che sul suo futuro: “Le auto sono troppo lente, si è perso il piacere della guida – riporta AS -. Io ho ancora molti anni ad alto livello davanti, almeno due. Nel 2017 vedremo come saranno le nuove vetture e quello che sarà il mio futuro. Non so cosa farei dopo aver passato 30 anni al volante. Quando lo smetterò, lo farò per davvero. In passato mi sarebbe piaciuto correre la 24 Ore di Le Mans o tornare ai kart”.

Per quanto riguarda invece il 2016 della McLaren Honda si è espresso con ottimismo: “Questa stagione sarà diversa, non otterremo vittorie, ma sarà comunque migliore rispetto a quella scorsa. Sono motivato e disposto a fare la migliore annata della mia carriera. La monoposto di quest’anno è nata bene, seppur con dei limiti, ma ci sono stati miglioramenti”.

Si passa poi a parlare di Mercede e del suo valore di pilota: “Vuoi sempre essere dove la macchina migliore e questo posto è la Mercedes, ora sono dove cercano di farmi felice. E sì, sono felice. Mio figlio vorrebbe ricordarmi me come un combattente. Io non sono il più talentuoso, ma nelle stesse condizioni di macchina ed di pista vincerei. Sono molto competitivo e voglio vincere sempre”.

Infine a Fernando Alonso vengono chieste delle considerazioni brevi sui team per i quali ha corso nella sua carriera: “Sono una persona molto romantica e se dovessi definire ogni squadra quindi direi che la Minardi è stata la prima occasione, la Ferrari il luogo che tutti dovrebbero andare qualche volta e la McLaren il posto dove ho intenzione di chiudere il cerchio”.