Motodays 2016: l’ottava edizione mette il “turbo”

(foto Facebook)
(foto Facebook)

 

Dopo l’apertura ufficiale alle 10.30 di ieri, con il taglio del nastro eseguito dal pilota romano del mondiale Superbike Davide Giugliano, è entrata nel vivo l’ottava edizione del Motodays, il Salone dedicato alla motocicletta che si svolge nella cornice della Fiera di Roma. Sono ben 150.000 i visitatori attesi da oggi a domenica sera, quando la kermesse chiuderà i battenti, nei cinque padiglioni e nelle aree esterne all’area fieristica, dove andranno in scena esibizioni e gare di vario tipo. Lungo un percorso di 30 km, inoltre, è possibile provare i mezzi a due ruote.

 

Un menù ricco e sfizioso

Il Motodays nasce con l’obiettivo di vivere la moto in tutte le sue declinazioni. E grazie alla presenza delle principali Case motociclistiche, negli spazi della Fiera di Roma sarà possibile vedere e toccare con mano tutte le novità del 2016: dalle moto stradali alle supersportive, passando per gli scooter e le maxi-enduro. A fare sfoggio delle loro “creature” a due ruote saranno la bavarese BMW, le italiane Ducati e SWM, l’austriaca KTM, le giapponesi Honda, Kawasaki, Suzuki, Yamaha, la taiwanese Kymco, l’inglese Triumph, le americane Victory e Indian e l’elettrica Zero, la rinata Italmoto, che svelerà un’anteprima, così come TomTom, al fianco di marchi storici e prestigiosi come Harley-Davidson.

Il Motodays rappresenta però anche un viaggio nel mondo degli accessori, dell’abbigliamento e dei caschi, con gli ultimi ritrovati in tema di sicurezza e di moda, che vede protagoniste oltre 400 aziende su 52.000 metri quadri di aree interne, mentre 30.000 mq saranno dedicati alle prove delle novità e 25.000 a show ed esibizioni. Confermata la presenza dei freestyler e degli stunt amatissimi dal pubblico, con la novità della regina delle acrobazie su due ruote, la francese Sarah Lezito.

Tra gli ospiti presenti, è d’obbligo citare Michel Fabrizio, che ha scelto Motodays per presentare il proprio team che schiera due giovani talenti nel Campionato Italiano di Velocità. E Max Giusti, il quale ha dichiarato che “a Motodays non posso mancare: qui l’anno scorso sono tornato a gareggiare in moto dopo tanti anni e mi dispiace non correre anche questa volta, ma domani mi aspetta uno spettacolo a San Patrignano. Avrei dovuto viaggiare nella notte dopo la gara, ma ho 47 anni e una famiglia, devo pensare al lavoro!”.

In programma anche la presentazione del Team MotoXRacing, con i piloti Riccardo Russo e Florian Marino, attesi protagonisti del Mondiale Superstock 1000. Un importante momento sociale sarà poi quello della presentazione del Team Di.Di. Diversamente Disabili, alla presenza del team manager BMW Althea Genesio Bevilacqua, di Michel Fabrizio, del pilota paraplegico Nicola Dutto e della cantante atleta paralimpica non vedente Annalisa Minetti.

“Nel 2015 il mercato delle due ruote oltre i 50cc è cresciuto del 9,6%, quello delle moto del 14,4%”, ha dichiarato Mauro Mannocchi, Amministratore unico di Fiera Roma, durante la cerimonia di apertura, sottolineando che si tratta di “dati importanti che testimoniano una ripresa di un settore centrale per il Paese”.

Il manager ha poi rimarcato che le 170.000 nuove moto acquistate lo scorso anno dagli italiani sono “veicoli che si sono aggiunti a un parco circolante senza il quale le nostre città sarebbero paralizzate dal traffico”. “E’ a questi cavalieri moderni e intelligenti – ha aggiunto – che Fiera Roma dedica l’edizione 2016 di Motodays“.

Gli ha fatto eco Davide Giugliano, reduce da un ottimo terzo posto nel round di apertura, sul circuito australiano di Phillip Island, soltanto domenica scorsa, il quale non ha mancato di ricordare l’importanza di questo evento per tutto il centro-sud del paese. “A livello italiano è un’iniziativa importantissima, soprattutto perché attira tanti giovani – ha affermato il centauro – , vedo sempre meno ragazzi con la moto o con il motorino, temo perché sempre più interessati ai social e agli smartphone. Ma secondo me non sanno bene che cosa si perdono e qui possono sicuramente avere un assaggio”.

Vale la pena di ricordare che il Motodays ha anche un importante risvolto sociale, visto che ogni anno ci sono centinaia di studenti che affrontano un percorso di educazione a vivere sulla strada e a vivere in genere. E per l’ottava edizione, come in quelle passate, Ombretta Bovone e Silvio Manicardi organizzeranno incontri con le scolaresche che potranno beneficiare della presenza di istituzioni quali Polizia stradale, Polizia locale di Roma Capitale, Carabinieri, Polizia penitenziaria, Esercito italiano, Aeronautica militare e Marina militare. Queste ultime porteranno ai visitatori del Salone della Moto la propria esperienza, per confermare la loro vicinanza ai cittadini e sensibilizzarli ai temi della sicurezza e del rispetto delle regole, in moto e non solo.