Test Qatar, Valentino Rossi: “Non abbiamo abbastanza gomme”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (© Getty Images)

Valentino Rossi conclude il secondo giorno di test MotoGP in Qatar in ottava posizione, a poco più di mezzo secondo dal leader provvisorio Maverick Vinales. Il pilota di Tavullia è stato tra i primi a scendere in pista e a piazzarsi in testa alla classifica, per poi proseguire lo sviluppo di alcuni nuovi elementi sulla sua Yamaha M1 senza però migliorare il suo crono.

Domani sarà il terzo ed ultimo giorni di test prima dell’inizio della stagione 2016 e si prevede una grande giornata di lavoro per Valentino Rossi. Stamane le lancette del cronometro si sono fermate a 1’55″947, a poco più di mezzo secondo dal leader di giornata, a quattro decimi dal compagno di squadra Jorge Lorenzo.

“Il secondo giorno è stato ok, ho lavorato molto e ho fatto un sacco di giri perché abbiamo un sacco di lavoro da fare – ha dichiarato il pesarese -. Alla fine la mia prestazione e la posizione in classifica non sono state fantastiche perché sono andato un po’ peggio rispetto a ieri, ma in realtà non abbiamo fatto un vero e proprio time-attack perché abbiamo cercato di risparmiare un po’ le gomme per domani. Non abbiamo un sacco di gomme, quindi stiamo cercando di gestirle al meglio – ha spiegato Valentino Rossi -. Penso che domani sarà molto importante per cercare di capire il nostro potenziale nel modo migliore e soprattutto per cercare di migliorare il tempo sul giro e anche per fare un long run e cercare di capire il nostro ritmo”.

Il team director Massimo Meregalli ammette il passo indietro rispetto al giorno precedente, ma sembra tutto sotto controllo: “Dopo alcuni risultati molto positivi di ieri, abbiamo avuto qualche difficoltà imprevista oggi nel trovare aderenza. E’ stato uno scenario diverso con cui lavorare e quindi abbiamo principalmente focalizzato la nostra attenzione sulla messa a punto della moto e dell’elettronica. La quantità degli pneumatici anteriori è un po’ ristretto per i test rispetto a quanto avevamo inizialmente previsto, così invece abbiamo lavorato principalmente sul bilanciamento della moto invece di fare un attacco di tempo – ha spiegato Meregalli -. Abbiamo anche testato alcuni nuovi elementi che erano una parte del programma di test in programma per oggi. Domani continueremo a ottimizzare le impostazioni in base ai risultati che abbiamo ottenuto oggi e seguiremo con una simulazione di gara”.