Tendine alzate durante l’atterraggio e decollo aereo, l’esperto spiega perchè

(©Getty Images)
(©Getty Images)

Durante il decollo e l’atterraggio di un aereo le tendine dei finestrini devono essere tenute sempre aperte. A spiegare i motivi di quest’obbligo ci pensa Saran Udayakumar, un responsabile della sicurezza aerea.

La scelta di decollare e atterrare con le tendine aperte non è certo dettata da una questione di vista panoramica, ma da motivazioni ben più serie e legate alla sicurezza. Innanzitutto in caso di emergenza l’equipaggio di cabina ha pochissimo tempo per abbandonare l’aereo e con le tendine alzate è più facile vedere cosa accade all’esterno. Viceversa, i soccorritori possono vedere subito cosa sta accadendo all’interno del velivolo.

Un altro motivo che obbliga a tenere le tendine dei finestrini aperti è che i passeggeri possono aiutare a segnalare eventuali problemi al personale di bordo, che potrebbe non accorgersi immediatamente di qualche anomalia, in quanto impegnato in altre funzioni. Inoltre all’interno del velivolo arriva maggior luce e quindi c’è più visibilità in caso di problemi.

Saran Udayakumar ha spiegato: “I passeggeri sono curiosi, di conseguenza sono perfetti occhi in più per vedere se qualcosa va storto là fuori. Di solito riportano le cose subito”. Il pilota di linea Kare Lohse ha invece spiegato: “Ci sono stati casi in cui i passeggeri hanno notato problemi tecnici, guardando fuori sulle ali o sul motore, ad esempio. Naturalmente, capita molto raramente”, fortunatamente aggiungiamo noi…