MotoGP, Carmelo Ezpeleta: “Rossi-Marquez come Messi-Ronaldo”

Carmelo Ezpeleta
Carmelo Ezpeleta (©getty images)

Carmelo Ezpeleta il CEO della Dorna, società spagnola che gestisce gli aspetti commerciali e l’organizzazione del Motomondiale. La sua opinione nel paddock è, ovviamente, considerata molto autorevole e in genere lui non si fa problemi a prendere posizione anche nelle vicende più controverse e discusse che avvengono in pista e non.

Nel campionato MotoGP 2015 una questione che ha creato molto rumore a livello mediatico, ma non solo, è stata senza dubbio quella relativa alla rivalità tra Valentino Rossi e Marc Marquez. Le accuse del pilota Yamaha nei confronti del rivale della Honda hanno fatto salire le tensioni e livelli che non toccavano da tanto tempo. Quel Mondiale è alle spalle orma, ma ha lasciato degli strascichi inevitabili e il nove volte campione del mondo ha già detto di non aver dimenticato. Mentre lo spagnolo si dice disposto a stringere la mano al collega.

 

Carmelo Ezpeleta parla di Valentino Rossi e Marc Marquez

Il quotidiano iberico AS è andato ad intervistare Carmelo Ezpeleta e lo ha interrogato in merito ai rapporti tra Valentino Rossi e Marc Marquez in ottica 2016 dopo quanto avvenuto lo scorso anno: “Io non sto con nessuno. Per me è lo stesso se non fanno pace. Non si può forzare Messi ad essere amico di Cristiano Ronaldo, uguale con Rossi e Marquez. Non c’è bisogno che siano amici”.

Il boss del Motomondiale non è preoccupato dalle relazioni esistenti tra i due piloti, ma per il bene della MotoGP auspica che non ci siano più episodi come quelli che si sono verificati a fine campionato 2015: “Io e loro sappiamo cosa è successo. Tutti quelli che vedono abitualmente le moto lo sanno. Non firmerei per un altro finale di campionato come quello scorso, per quanto mediatico fosse. Noi abbiamo bisogno di avere spettacolo in pista e stare attenti agli appassionati dello sport. Meglio evitare una situazione come quella. Quanto avvenuto in Malesia non è stato positivo”.

Valentino Rossi parlò di ‘biscotto spagnolo’ con un accordo Marc Marquez-Jorge Lorenzo volto a danneggiarlo. Ma Carmelo Ezpeleta nega la tesi del pilota di Tavullia: “Non credo che ci sia stato un biscotto. Le cose sono andate come sono andate, ma non c’era collusione tra Marquez e Lorenzo”.