MotoGP, Jorge Lorenzo: “Yamaha… mi serve più potenza”

Jorge Lorenzo (© Getty Images)
Jorge Lorenzo (© Getty Images)

Dopo aver dominato le prove in Malesia Jorge Lorenzo subisce una brusca frenata nei test di Phillip Island. Il campione del mondo ha chiuso la terza e ultima giornata australiana in nona posizione, a sei decimi da Marc Marquez, lamentando mancanza di potenza per la sua YZR-M1.

Inizialmente pareva che le gomme Michelin e la centralina unica fossero l’asso nella manica del pilota maiorchino della Yamaha, ma a quanto pare ogni circuito del Motomondiale sarà un capitolo a parte e la supremazia di Lorenzo è crollata semplicemente cambiando pista.

“La nuova elettronica e le nuove gomme suggeriscono che ho bisogno di più potere… L’elettronica non è così sofisticata, bisogna stare attenti a come gestire il gas. Specialmente quando le gomme degradano. Il pneumatico si consuma molto più velocemente rispetto allo scorso anno – ha spiegato Jorge Lorenzo in un’intervista riportata da Speedweek.com -. L’aderenza del pneumatico posteriore è migliorata. La combinazione di elettronica di base, più grip e pneumatici posteriori più veloci suggeriscono che ho bisogno di molta più energia per la moto. Se poi aggiungiamo i problemi alla mancanza di stabilità anteriore, è tre volte più difficile”.

Nel corso della tre giorni di Phillip Island il pilota spagnolo della Movistar Yamaha ha rifiutato l’uso delle ali sulla carenatura, che avrebbero potuto fornire maggior pressione sulla ruota anteriore: “Le ali non risolvono i nostri problemi. Ci mancava stabilità all’anteriore… Un problema che si verifica solo su questo percorso”, ha assicurato Jorge. Il prossimo test in programma agli inizi di marzo in Qatar sarà rivelatore in tal senso. Non resta quindi che attendere per capire il potenziale della Yamaha e della Honda. Ma di certo sarà una stagione imperdibile e giocata sul filo del rasoio, sia in classifica che in pista…