MotoGP, Marc Marquez: “Sul bagnato sono un passo avanti”

Marc Marquez (© Getty Images)
Marc Marquez (© Getty Images)

 

Nella prima giornata di test IRTA a Phillip Island Marc Marquez ha girato molto con le intermedie e le gomme da bagnato a causa delle avverse condizioni meteo. Un fattore, quest’ultimo, che ha condizionato lo svolgimento dei programmi dei team, ma ha permesso ai piloti di valutare meglio le nuove Michelin da bagnato e anche le intermedie.

 

Il fattore gomma

Il pilota catalano della Honda si è concentrato sulla raccolta dati per quanto riguarda le gomme intermedie, con cui ha svolto la maggior parte dei giri, optando per il motore evo, così come il compagno di squadra Daniel Pedrosa. “Oggi è stata una giornata particolare perché l’asfalto non è mai stato completamente asciutto e non siamo riusciti a utilizzare gomme slick – ha dichiarato Marc Marquez al termine della prova, come riporta Speedweek – . Quando poi la pista si asciugava un po’ di più tornava a piovere ed è stato difficile svolgere il programma con differenti condizioni atmosferiche”.

Ma non tutto il male è venuto per nuocere. “Siamo riusciti comunque a raccogliere qualche dato interessante, soprattutto per quanto riguarda le gomme da bagnato, ma anche con le intermedie – ha precisato il Fenomeno di Cervera -. L’elettronica qui va molto meglio che in Malesia, ed era la prima cosa che mi aspettavo di trovare”.

Marquez ha infine voluto dare un proprio parere sulle gomme Michelin intermedie e rain: “Nel corso della giornata ho potuto notare un ottimo grip per quanto riguarda la gomma posteriore. Sembra che anche le gomme da bagnato e le intermedie abbiano le stesse caratteristiche di quelle da asciutto. Sul bagnato sono un passo avanti rispetto alle Bridgestone”, ha concluso.

 

La parola a Dani Pedrosa

Aanche Dani Pedrosa ha potuto prendere confidenza con le gomme rain e intermedie della Michelin a causa delle condizioni meteo tutt’altro che ideali. La nuova Honda RC213V dello spagnolo sembra aver fatto passi avanti rispetto ai test di Sepang ma, a quanto pare, ci sarà ancora molto da lavorare per portarla all’altezza della sfida con le Yamaha M1 ufficiali.

“Oggi è stata una giornata complessa perché ha piovuto tutto il giorno, specialmente nel corso della mattinata – ha raccontato Pedrosa una volta uscito dal circuito – . Il feeling con la moto è stato buono nonostante le condizioni in cui era il tracciato. Siamo riusciti a compiere un buon numero di giri. Questo aspetto è molto positivo perché siamo riusciti a lavorare sia sulle gomme che sull’elettronica, facendo un lavoro differente su questi due aspetti da valutare”.

Anche nel suo caso il bicchiere è mezzo pieno. “Tutto è andato bene, nonostante le condizioni meteo non fossero delle migliori – ha rimarcato Pedrosa – . Dobbiamo ancora lavorare su tutti gli aspetti e, per migliorare, dovremo farlo passo dopo passo”.