MotoGP, Andrea Iannone: “Stoner grande aiuto, ci siamo capiti”

Andrea Iannone
Andrea Iannone (©Getty Images)

Andrea Iannone ha chiuso la prima giornata di test a Phillip Island al 10° posto, pur sottolineando che il maltempo ha reso impossibile portare avanti la tabella di marcia e conseguire la raccolta dati indispensabile per lo sviluppo della Ducati Desmosedici GP16. Il pilota abruzzese ha messo a segno sette giri cronometrati il migliore dei quali in 1’34″049.

Il rider di Vasto ha approfittato delle fasi finali del day 1 per compiere alcuni giri sul circuito australiano, ma ci sarà bisogno di un meteo clemente per non veder sfumare questa seconda sessione di test.

“E’ stata una giornata molto strana: purtroppo oggi il meteo non ci ha consentito di lavorare come avevamo programmato e alla fine sono riuscito a fare solo sette giri nel pomeriggio in condizioni di asciutto con la mia Desmosedici GP 2016 – ha detto Andrea Iannone in una nota ufficiale -. In realtà dobbiamo sperare che nei prossimi due giorni si riesca a girare con maggiore continuità perché abbiamo ancora tante prove da fare. Sono però contento dell’atmosfera molto positiva che si respira all’interno del mio box ed ho molta fiducia nella nuova moto”.

Sette giri sono troppo pochi per farsi un’idea della nuova moto: “Ho guidato solo sette giri e non posso dire molto… La mia prima impressione sugli pneumatici è veramente buona – ha detto Iannone in un’intervista riportata da Speedweek.com – Ma non ho spinto per davvero, perché non avevo nessun riferimento su questa pista… La Desmosedici è identica a quella di Sepang. A Sepang ci siamo concentrati sul lavoro con le gomme. A Phillip Islanda curiamo il miglior bilanciamento della moto, sono molto curioso. Speriamo che mercoledì il tempo sia migliore”. E Casey Stoner? “Certo che ci aiuta, ha molta esperienza ed è davvero un forte pilota – ha concluso Andrea Iannone -. Ho grande rispetto per lui, è un buon aiuto per noi, ci siamo capiti”.