MotoGP, Nicolas Goubert: “Michelin pronta alla sfida di Phillip Island”

Gomme Michelin nei Test di Sepang MotoGP
Gomme Michelin nei Test di Sepang (getty images)

Michelin si sta occupando dello scoppio della gomma di Loris Baz a Sepang durante la prima sessione di test. L’azienda francese punta l’indice contro la pressione non regolamentare dello pneumatico, ma in vista del test di Phillip Island è attesa da una nuova sfida su uno dei circuiti più bollenti del Motomondiale.

Nel 2014 il fornitore Bridgestone ha rimediato una sconfitta sul circuito australiano, quando le gomme posteriori della MotoGP sono sopravvissute solo per dieci giri, costringendo a dividere il Gran Premio in due tempi, con la Direzione di Gara che ha costretto i piloti a cambiare moto a metà gara. Nel 2015 il marchio nipponico ha escogitato una mescola più dura e resistente alle alte temperature e adesso anche Michelin è attesa dalla sfida australiana.

Nicolas Goubert, Direttore Tecnico di Motorsport Michelin, ritiene che non vi è alcuna necessità di costruire altre mescole ‘hard’ e che a Sepang l’incidente di Loris Baz è stato un episodio isolato: “Posso solo ripetere che a Sepang si è verificato solo un problema di squadra, due volte con lo stesso team e gli stessi piloti, in cui un pneumatico posteriore è stato restituito a 1,45 bar, anche se la pressione raccomandata è di almeno 1.5 bar”, ha detto in un’intervista a Speedweek.com.

Michelin sta analizzando con molta attenzione quanto successo al pilota del team Avintia in Malesia, ma “se non troviamo nulla, non vedo alcuna ragione di cambiare la nostra strategia per la costruzione del pneumatico. Ma finora questa è solo una congettura. Forse entrambe le gomme erano difettose, forse Loris Baz ha avuto solo sfortuna. Finora, non posso provare niente. Per l’analisi ci vorranno diversi giorni. Una cosa del genere non può risolversi in poche ore”.

Dopo aver rivolto l’invito ai team a rispettare la pressione delle gomme Nicolas Goubert si dice pronto ad affrontare la nuova sfida di Phillip Island: “L’Australia è una sfida per qualsiasi produttore di pneumatici a causa del layout unico”.