Moto3, Enea Bastianini: “Siamo già molto veloci”

Enea Bastianini
Enea Bastianini (©Getty Images)

Sul circuito di Valencia si è conclusa la due giorni di test privati e il team Gresini Racing Team Moto3 ha raccolto dati importanti per sviluppare la moto con cui Enea Bastianini e Fabio Di Giannantonio affronteranno il prossimo Motomondiale.

La prima giornata di prove al Ricardo Tormo è stata in parte condizionata dalla pioggia, la seconda dal vento, ma i due giovani piloti del team Gresini Racing sono riusciti a portare a termine un buon numero di giri in sella alle loro nuove Honda NSF250RW, studiando i primi set-up utili per il campionato quasi alle porte.

Enea Bastianini ha riportato una caduta senza conseguenze a metà giornata, ma ha dimostrato di aver instaurato già un buon feeling con la moto, in attesa dei test ufficiali del 23 e 24 febbraio a Jerez de la Frontera. Il 18enne riminese ha effettuato 49 giri nonostante il forte vento pomeridiano abbia ostacolato il venerdì di prove: “Questa mattina eravamo partiti con il piede giusto, poi sono incappato in una scivolata e in seguito, nel pomeriggio, il forte vento ci ha infastidito un po’ – ha raccontato Enea Bastianini -. Abbiamo lavorato sul set-up, ma a causa del vento non era facile valutare il comportamento della moto in funzione delle modifiche, perciò abbiamo preferito non esagerare: ci sono ancora diverse giornate di test in programma e c’è ancora del margine su cui lavorare. In ogni caso, sono soddisfatto perché siamo già molto veloci con le gomme usate, mentre dovremo cercare di migliorare le nostre performance con la gomma nuova”.

Il rookie Fabio Di Giannantonio ha messo a segno ben 79 giri per prendere subito confidenza con la sua Honda: “Oggi ho potuto fare tanti giri e sono anche riuscito a ottenere un bel tempo: complessivamente è stata una giornata molto positiva! Abbiamo provato diverse cose sulla moto – ha affermato il pilota romano – e si può dire che abbiamo già individuato la strada da seguire. Ovviamente devo continuare ad acquisire più confidenza e devo ancora imparare a tenere il passo dei migliori, ma sono soddisfatto dei passi avanti compiuti in questi primi test dell’anno. In particolare siamo andati alla ricerca di un maggior feeling all’avantreno e lavorando anche insieme ai tecnici HRC abbiamo trovato una buona base. Peccato soltanto per il forte vento che ci ha un po’ infastidito nella parte finale della giornata”.